Italia tra le nuvole
scamardistudio- Italia tra le nuvole

Maggio 2018-Questi  sono giorni  frenetici, di gran fermento Politico-Istituzionale. La radio, la TV,  i giornaloni e i giornalini, tutti stanno dando sfogo alle previsioni  più cupe, ma soprattutto hanno  superato il Maestro Salvini  nel gioco  “diffondi la paura”.

Io sono fermamente convinta che l’Italia sia un grande paese, ma allo stesso modo  penso che il nostro   “stivale di lusso” sia zavorrato più di Gulliver nell’isola dei Lillipuziani. Da chi? Da cosa? Ormai è una cantilena rotta… 

Bando alle elucubrazioni qualunquiste e populiste, e veniamo a Bennato e alla sua Isola che non c’è. Che c’entra lui con tutto ciò? Questa mattina, per caso (ma non troppo) ho ascoltato  in macchina la sua canzone, attentamente, parola per parola, e nota dopo nota  mi sono tornate in mente  le parole di  Imagine di John Lennon, quelle di  Blowing in the wind The Times They Are a-Changing di  Bob Dylan.

Mi hanno fatto pensare.  Con ironia Bennato descrive l’Utopia, l’isola magica dove non esistono guerre, soldati, cattiveria e  violenza. No, non può esistere un posto così, certamente non su questo pianeta abitato da piccoli esseri umani in preda alla follia. Eppure…si può e si deve non lasciare troppo spazio al  pessimismo  e  al catastrofismo.

Ho pensato  ai  giovani e alla loro capacità di  nuotare in mari tempestosi, alla loro energia fisica e mentale  e ho deciso  di  prendere da loro il coraggio di  sperare, di credere nel nostro futuro. Di essere “pazza” e  non lasciarmi guidare solo dalla ragione…

Con  quel pizzico di fatalismo  in più che l’età  concede ai  vecchi, continuerò  ad essere attenta  a quello che mi circonda, a custodire i  valori  più belli  che mi hanno accompagnato  nel  percorso di vita e di lavoro per agire quando e come potrò.

L’isola che non c’è

Seconda stella a destra, questo è il cammino
E poi dritto fino al mattino
Poi la strada la trovi da te
Porta all’isola che non c’è

Forse questo ti sembrerà strano
Ma la ragione ti ha un po’ preso la mano
Ed ora sei quasi convinto che
Non può esistere un’isola che non c’è

E a pensarci, che pazzia
È una favola, è solo fantasia
E chi è saggio, chi è maturo lo sa
Non può esistere nella realtà

Son d’accordo con voi, non esiste una terra
Dove non ci son santi né eroi
E se non ci son ladri, se non c’è mai la guerra
Forse è proprio l’ isola che non c’è, che non c’è

E non è un’invezione
E neanche un gioco di parole
Se ci credi ti basta, perché
Poi la strada la trovi da te

Son d’accordo con voi, niente ladri e gendarmi
Ma che razza di isola è?!
Niente odio e violenza, né soldati né armi
Forse è proprio l’isola che non c’è, che non c’è

Seconda stella a destra, questo è il cammino
E poi dritto fino al mattino
Non ti puoi sbagliare, perché
Quella è l’isola che non c’è

E ti prendono in giro se continui a cercarla
Ma non darti per vinto, perché
Chi ci ha già rinunciato e ti ride alle spalle
Forse è ancora più pazzo di te

 Edoardo Bennato

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.