• Mondo Fuori

  • I viaggi della speranza e della disperazione.

    Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • Io sto con Emercency

    Guerre, Epidemie, Vite umane falcidiate... Per nostra fortuna c'è Emercency.

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • Amo l’Europa

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • 8 Marzo 2021-Donne e uomini insieme con determinazione e speranza

  • 25 Aprile 2020- Festa della Liberazione dal nazifascismo

  • 1° Maggio 2020-Coraggio!

    R.Guttuso-Portella delle Ginestre

  • 10 Maggio 2020-Festa della Mamma

    dalla vita di una grande mamma...

  • 5 Ottobre 2020-Giornata UNESCO dedicata agli Isegnanti

  • 23 Maggio-19 Luglio -Luci che non si spengono…

  • 2 Giugno 2020-Festa della Repubblica Italiana

    Ossimori festosi: ferita, disorientata, fragile, eppure resiliente, meravigliosa e forte. La nostra Repubblica.

  • 3 Ottobre 2013-3 Ottobre 2020 Ricordare, accogliere, progettare il futuro

    more

    Il 3 ottobre è diventato giornata della memoria e dell'accoglienza, una data in cui si ricordano le vittime del naufragio di Lampedusa e tutti i migranti che hanno perso la vita nel tentativo di arrivare in Italia, la porta dell'Europa.

  • 20 Novembre2020- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • 25 Novembre 2020-Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

  • Disclaimer

    I contenuti del blog sono un’esclusiva di Affascinailtuocuore.  È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma, senza  autorizzazione dell’autrice.

    Contenuti di altri autori sono debitamente individuati con tutti i riferimenti necessari.

E. Pomilio-Il Sangue dei Fratelli. Con la macchina del tempo, in un tempo lontano…

clip_image002_thumb.jpg

 È proprio vero che invecchiando si tende a tornare indietro, alla propria infanzia e alle proprie radici. Vladimiro mi offre un’occasione in più consigliandomi il  libro di una scrittrice avezzanese che parla, tra le altre cose, dei Marsi, gente fiera e feroce proveniente dalla piana del Fucino…

 

clip_image003.jpgEmma Pomilio ripercorre alcuni fatti della storia Romana, di cui è grande esperta, plasmandoli in chiave letteraria e dunque adottando il metodo del romanzo storico, per raccontarci una bella storia, con personaggi di finzione in posti e periodi reali. 

Alcune  “personalità” realmente esistite appaiono nel corso degli eventi (Druso, Catilina, Mario, Silla…) e vengono utilizzate per dare maggiore credibilità ai personaggi inventati.

338px-Drusus_the_elder_bust_thumb.jpgPomilio ci racconta la storia di Marco Livio Druso e del suo schiavo/fratello Fausto. Tra battaglie super truculente, vendette di casta, nobili vigliacchi, schiavi super corretti e intelligenti, donne forti e determinate, siano esse schiave o libere o  liberate, la storia si sviluppa, tra Grecia, Roma e Italia, in un groviglio di intrecci e scambi di persona, fino a diventare, verso la conclusione, una specie di legal thriller alla romana dove ciò che è e ciò che sembra si sovrappongono, si scambiano e giocano tra di loro, fino alla conclusione auspicata dal lettore e già “intuita” all’inizio del racconto.

“A volte qualcuno mi chiede perché scelgo soprattutto personaggi di fantasia per i miei romanzi. La risposta è semplice: le vicende dei personaggi più celebri dell’antichità sono conosciute e il finale è scontato. A me invece piace inventare storie mie, senza contare il fatto che le vite delle persone comuni mi offrono la possibilità di descrivere meglio la società romana.

Le vicissitudini dei protagonisti di questo romanzo, comunque, si svolgono accanto a quelle degli uomini che hanno determinato la storia del loro tempo-come Mario, Silla, Druso, Pompeo, Crasso, Catilina, Lario il Giovane, Ponzio di Telesia-, in una ricostruzione storica verosimile per quanto è possibile da parte di chi vive duemila anni dopo i fatti narrati.

Riguardo ai protagonisti marco e Tito Livio Druso, è bene precisare che, oltre al tribuno druso, non si conoscono altri Livi Drusi importanti in Roma in quel periodo.” E.P. 

Crea un certo disorientamento leggere di rapporti familiari così complicati, di  fratelli e  sorelle che, più o meno consapevolmente,  intrecciano relazioni incestuose. Il tutto in una normalità che stordisce, insieme all’atteggiamento del popolo e dei  nobili  di fronte ad uno  stupro perpetrato da  un nobile romano. Se a subirlo è una  schiava è tollerato, anzi! Se a subirlo è una donna libera, l’onore del romano che si macchia di tale infamità viene  irreparabilmente compromesso.

Gli schiavi sono una razza inferiore e come tale possono subire di tutto e di più, anche se sono nati da un padre nobile. Incredibile ma vero. Il processo al giovane  potente  e “vigliacco” Marco Druso ne è la prova…

 clip_image005.jpgIl contenuto di questo libro esercita un suo fascino nella rappresentazione di alcune popolazioni in lotta tra di loro per il potere o soltanto il diritto di esistere. Tra questi i Marsi selvaggi, i Sanniti implacabili e, su tutti i Romani, razza pura e dura senza paura, fiaccata solo dalla  ricchezza e dalla smania di potere.

La narrazione scorre più veloce e coinvolgente nelle parti chiaramente inventate, mentre risulta a tratti più noiosa e rigida nella descrizione di luoghi e fatti realmente accaduti.

livia-messalinaI personaggi femminili assumono uno spessore maggiore e più convincente rispetto a quelli maschili, meno sfumati e dunque più prevedibili.

L’ho letto comunque con piacere, anche perché mi ha dato la possibilità di confrontarmi ancora una volta con Vladimiro e le sue passioni, e di tornare ad Avezzano e alla piana del Fucino, casa dei “combattivi e indomiti” Marsi.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: