• Mondo Fuori

  • Giornata Mondiale del Rifugiato 2019- Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra

    Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • 19 Luglio -Luci che non si spengono

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • 2 Giugno 2019-Festa della Repubblica Italiana

  • Amo l’Europa e il 26 Maggio VOTO.

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • Marzo-Diritti delle Donne. Una lotta continua…

    Il racconto dell'ancella di M.Atwood-Giochi di potere sul corpo delle donne

    Per il ritiro del DDL Pillon e la riaffermazione della libertà di scelta degli "Italiani", uomini e donne liberi. Margaret Atwood-Il Racconto dell'Ancella: " In un’America reduce da una catastrofe ecologica, che ha falciato gran parte della popolazione e messo in forse la stessa sopravvivenza della specie, un gruppo di fanatici religiosi ha fondato uno stato totalitario, Galaad, riducendo in completa schiavitù le donne. I rapporti umani, sociali, culturali sono stati aboliti: unico supremo fine è la procreazione. Attraverso il diario segreto della giovane “ancella” Difred, si delinea l’inquietante profilo di un mondo futuro ma non troppo, già presente in embrione nella società degli anni Ottanta...apri il link all'immagine per continuare

  • 25 Aprile 2019- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

    “Despite everything, life is full of beauty and meaning.” ― Etti Hillesum, Lettres De Westerbork

  • 8 Marzo 2018-Donne insieme con determinazione e speranza

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • 20 Novembre2017- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • vi aspetto qui

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com

S.Benni-PRIMA O POI L’AMORE ARRIVA. Sorprendente intermezzo poetico

Benni-prima-o-poi-lamore-arriva.png

 Ancora un bel regalo dal Vecchio Scaffale delle mie figlie. Piccolo, sorprendente intermezzo poetico con Stefano Benni. Con lui torno alle atmosfere infuocate degli anni 80.  Non capisco molto di poesia, ma sono convinta che  non vada capita, ma sentita attraverso l’esperienza emotiva e di vita che ciascuno di noi  si costruisce, attimo dopo attimo. 

Le poesie di Benni mi hanno spiazzato. Non lo conosco molto se non per il famoso Bar sotto il mare, che le mie figlie mi hanno fatto leggere anni fa e di cui non ricordo niente e poi per La Compagnia dei Celestini, di cui tanto ho sentito parlare, ma che non ho mai pensato minimamente di leggere. Oggi mi imbatto in queste piccole perle satiriche e strane.

Ho voglia di riportarne alcune, che intercalo con un breve commento. (Ma si leggono tutte con estremo piacere e velocemente e per una volta, la velocità si fa apprezzare).

 

da Blues Urbani (p.37)

flipperFlipper, perché è musicale, perché già la parola mi fa suonare in testa il drindrindrin che mi riporta al caffè Settebello di Avezzano nel 1969, dove facevamo le nostre assemblee studentesche, preparando striscioni e disquisendo di lotta, giustizia e diritti.

Era d’inverno e con gioia ci tirava  su una bella tazza di cioccolata calda con panna. Facevamo anche un po’ le smorfiose con i ragazzi che ci piacevano. Circolava passione ed energia.

 

La donna spaziale strizza l’occhio

a cavallo di una cometa viola

e un cowboy ridente doma un missile

stelle e pianeti si accendono

premendo solo con un dito

si illumina come Manhattan

questo bar di periferia

Michele ha una giacca di cuoio lucido

e il segno di un pugno sulla bocca

Oscar il tatuaggio di un cucchiaio

Gianni voleva essere Bruce lee

Lidia voleva essere Patti Smith

Consuelo vorrebbe essere già morta

Toni beve fernet e birra la mattina

e lavora dieci ore steso sotto i camion

sotto un cielo di olio e di ferro

spesso parliamo e ci eccitiamo

spesso restiamo senza parlare

o ci facciamo male con un sorriso

finti pugni veri pugni spintoni

allora io mi alzo e prendo il flipper

e vinco dieci, cento milioni

e qualcuno entra e guarda

e io tengo la sigaretta in bocca

bello impassibile come un capo indiano

e un giorno scuoterò questo mondo

e lo farò suonare e accendere

e impazzire e contarmi i milioni

e sarà tutto mio, non ci sarà

mai più la scritta il game è over

e la donna spaziale verrà giù

a baciarmi e far la smorfiosa

e salirò sul missile e partirò

da queste strade sempre vuote

dove camminiamo come cani

annusando qualche sogno non nostro.

 

 

Da Poesie per chi non se le merita(p.59)

anguria

All’anguriaperché i suoi succhi carnosi e rossi mi suscitano epifanie meravigliose, di un’infanzia magica e di estati bollenti in un paese di periferia…

Che vita rossa di sagra popolare!

Quando l’Agosto spegne

politica e disciplina

quando anche con Bisaglia

andresti in piscina

un rosso desidero

eppur resiste

saldi nel solleone

i compagni ti baciano

con devota passione

tu, rossa passionaria

o anguria

bandiera proletaria

 

Da Governo balneare (p.75)

sposi

Gli sposiperché è una piccola  freccia  avvelenata al sapor di torta nuziale con la panna acida…

 

Regimino e Velina

travolti da passione

fecero una bambina

di nome Informazione

che però appena nata

era così censurata

che per dire papà

chiedeva già il permesso

alla Proprietà.

 Da Giamaica (p.117) 

cuffia

Le cuffie, perché è così “profetico” quando mostra le cuffie come una protesi irrinunciabile (ancora walkman con cassette), che mi fa sorridere amaramente, specie negli ultimi versi che voglio condividere (troppo lungo per riportarlo tutto!):

…scusa se ti minaccio

ma la pistola è vera

so quello che faccio

o la cuffia o la vita

ecco: la mia cassetta, quella preferita

l’ultima di Jannacci

camminando e ballando

anch’io come tutti

me ne vado in cuffia

non parlo più a nessuno

ballo, passo e saluto

adesso che ho il sonoro

son diventato muto.

da Fotografie (p.102) 

Roversi e libriA Roberto Roversi, perché voglio chiudere  con un “ostinato sussurro” poetico per le librerie, i librai e i libri…

C’è un buco nel portico

della città di Bologna

come l’inferno inghiotte

i giovani poeti

un diavolo benigno

li travia. Escono

trasfigurati, gridando

i loro versi al sole

se fuori c’è la nebbia

da quella libreria

si vede alla finestra

(per qual diavoleria)

il cielo azzurro

i libri parlano

anche se sono chiusi

beato chi sa ascoltarne

l’ostinato sussurro.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: