Image

Verso l’ora zero è un titolo bellissimo. Richiama alla mente momenti fatali come il countdown dei lanci spaziali o come lo scoccare dell’ora zero di Faustus, sul punto di sprofondare, inesorabilmente, nella buca infernale del palcoscenico Shakespeariano.

E la fine dell’illustre  dottore assume un’efficacia drammatica travolgente, tra fumi e  grida demoniaci tanto amati dal pubblico  Elisabettiano. Lo scoccare dell’ora zero continua a mantenere il suo fascino evocativo in tutte le storie in cui il passare del tempo  scandisce  la costruzione del climax e il dénouement successivo, verso  la conclusione.

Il romanzo di Agatha Christie riflette la struttura classica di tutte le sue storie. L’investigatore di turno è  il sovrintendente Battle (nomen omen?), battagliero uomo d’ordine, affascinato dalle tecniche psicologiche di osservazione del mitico maestro Hercule Poirot. A lui pensa   durante l’indagine successiva al misterioso, quanto imprevisto,  omicidio  Imagedella vecchia e ricca  Lady Camilla Tressillan, nella sua suggestiva villa in Cornovaglia.

Neville Strange, si innamora di Kay, una bellissima,  giovane  donna e per sposarla divorzia dalla perfetta e algida moglie, Audrey.

In un Settembre insolitamente caldo il triangolo si ricostituisce, non si  sa bene su iniziativa di chi, per trascorrere  le vacanze dalla vecchia e malata Lady Camilla, cui Neville e Audrey sono  molto legati.

Accadono  eventi che all’apparenza sembrano insignificanti, ma che alla fine si riveleranno cruciali  nello sviluppo e nella soluzione dell’enigma.

Personaggi bizzarri si aggirano sulla scena del delitto: l’esploratore invalido, la governante fedele, la cameriera isterica, il medico di famiglia, l’outsider decisivo…

Il motore della storia? I sentimenti:  amore, passione, tormento, gelosia e poi i soldi.

Image

La magica Cornovaglia, ambientazione ideale per questo tipo di storia, continua ad affascinare nella sua caratterizzazione typically English,  

Gli oggetti,  il campanellino della malata, la racchetta da tennis, la mazza da golf ed altro ancora, come spesso accade nelle storie di Agatha Christie, giocano un ruolo  preponderante e catalizzatore di epifanie chiarificatrici,

Lettura nel complesso godibile. Frenano l’entusiasmo del lettore alcuni fattori, uno per tutti,  l’abitudine a personaggi  della Christie più caratterizzati, come Poirot e Miss Marple. Il sovrintendente Battle, che assomiglia al  Barnaby della fortunata serie televisiva Inglese, appare nel complesso  senza  personalità.

Alla fine la storia non coinvolge più di tanto, ma è tenuta insieme da un elemento di grande presa:  il  predominio  di  quel qualcosa di oscuro  che è in ognuno di noi e che ritroviamo, a livello ed intensità diversi, proprio  nei protagonisti  di Verso l’ora zero