Il post Facebook di Orgia Fucsia sugli Happy Gays mi cattura. Lo leggo con un sorriso sulle labbra e quando   vedo il link alla loro storia su Youtube, clicco subito e vado. Inizia un breve viaggio  dentro un sogno. Il sogno  di  tre studenti  del liceo linguistico di Padova “Pietro Scalcerle“, che presi per mano (e microfono e strumenti) da superprof Mauro Filippini cominciano a esplorare un genere musicale “estremo”. Non violento  ma potente, capace di  far liberare tutta l’energia, i desideri, la voglia di vivere, lo spirito di ribellione degli adolescenti, ma non solo. Il mondo dei Ramones.

L’intervista a Mauro e a Marco, pubblicata  nella docuserie sulla scena rock di Padova tra il 1990- e il 2010, traccia un ritratto emozionante del gruppo. È un’ode  alla musica, al suo potere aggregante,  al suo potere di realizzare e coltivare sogni, a ogni età.  Chi ha vissuto  quel periodo in quella scuola sente le vibrazioni positive che scaturiscono dalle loro parole e dalle loro canzoni.

happy Gays1

Quella degli Happy Gays è la storia di un’amicizia nata a scuola, e proseguita dopo il diploma, tra tre ragazzi e un professore che ha saputo dare la spinta ai loro (e ai suoi) sogni. Direzione: punk
L’obiettivo iniziale della band era alquanto ambizioso: replicare il primo mitico album dei #Ramones. Cosa che fecero con il loro stile inconfondibile
Sulle ali dell’entusiasmo e del desiderio di continuare a calcare il palco nella Padova di quegli anni, la band ha proseguito a suonare insieme, con pause importanti, fino al 2016. Due gli album prodotti con Jetglow Recordings: nel 2012 “Back to the End”, una rivisitazione di molti pezzi storici della band, e nel 2016 una collezione di brani inediti, “Lonely Man in Love”.
Vent’anni di amicizia e rock’n’roll. Due cose che, quando vanno di pari passo, danno dei risultati incredibili.”

Orgia Fuxia-DOCUSERIESULLA SCENA ROCK DI PADOVA 1990-2010