All’ improvviso dal cielo gonfio scroscia un getto  di acqua inclemente. Cerco  velocemente un riparo. Ma dove sono? Un velo nero d’acqua mi copre la visuale. Procedo a tentoni, inzuppata. Ecco i portici finalmente, ora mi sento al sicuro e aspetto tranquilla che tutto finisca.

Intanto scruto oltre l’arco antico, ascolto la musica potente del temporale, inalo estasiata l’odore pulito del selciato e la fragranza delle piante dissetate. La bellezza dell’imprevisto!

E invece no. Dietro l’angolo incombe l’onnipresente tecnologia. Evviva le app che prevedono il tempo minuto per minuto…Magari  ci aiutano a prevenire disastri (forse), ma certamente condizionano il piccolo utente gasato dall’ idea di  sapere se potrà uscire senza l’ombrello o se  dovrà aspettare che finisca il temporale o  se invece farà meglio a  rinunciare.

 

Anche il sublime piacere del temporale estivo diventa banale nella sua prevedibilità. Triste. Quanta poesia ci può essere invece nell’ essere colti di sorpresa.

Ma queste sono  solo  romanticherie…Domani  ho un appuntamento importante e vorrei uscire in moto… Pioverà? Dovrò rassegnarmi e andare  con la noiosa auto,  esasperata dalla  ben più noiosa ricerca del parcheggio?

Aspetta che guardo cosa dice l’app-meteo

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.