• Mondo Fuori

  • Alla Fiera delle Parole One Book One City Padova legge il romanzo della Atwood. Diritti delle Donne. Una lotta continua…

    Il racconto dell'ancella di M.Atwood-Giochi di potere sul corpo delle donne

    Per il ritiro del DDL Pillon e la riaffermazione della libertà di scelta degli "Italiani", uomini e donne liberi. Margaret Atwood-Il Racconto dell'Ancella: " In un’America reduce da una catastrofe ecologica, che ha falciato gran parte della popolazione e messo in forse la stessa sopravvivenza della specie, un gruppo di fanatici religiosi ha fondato uno stato totalitario, Galaad, riducendo in completa schiavitù le donne. I rapporti umani, sociali, culturali sono stati aboliti: unico supremo fine è la procreazione. Attraverso il diario segreto della giovane “ancella” Difred, si delinea l’inquietante profilo di un mondo futuro ma non troppo, già presente in embrione nella società degli anni Ottanta...apri il link all'immagine per continuare

  • Giornata Mondiale del Migrante 2019- Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra. Ancora morti, tanti. Troppi!

    Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • 19 Luglio -Luci che non si spengono

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • 2 Giugno 2019-Festa della Repubblica Italiana

  • Amo l’Europa e il 26 Maggio VOTO.

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • 25 Aprile 2019- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

    “Despite everything, life is full of beauty and meaning.” ― Etti Hillesum, Lettres De Westerbork

  • 8 Marzo 2018-Donne insieme con determinazione e speranza

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • 20 Novembre2017- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com
  • Disclaimer

    I contenuti del blog sono un’esclusiva di Affascinailtuocuore.  È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma, senza  autorizzazione dell’autrice.

A. Roy-IL DIO DELLE PICCOLE COSE. Amare le diversità.

 

 

Quello che rende peculiare questo romanzo è l’atmosfera che  avvolge il lettore, è la sensazione di trovarsi dentro un mondo ricco di colori e di profumi speziati, oltre che di eventi magici e quasi extrasensoriali. Un mondo, insomma, pieno di contraddizioni e per questo così umano e fragile.

Questo mondo accoglie storie di uomini e di donne, coinvolti in amori travolgenti, trasgressivi e drammatici, in lotte di classe e di potere; storie di bambini insicuri e talora abusati che,  sulle ali da libellula della loro fantasia, sorvolano la realtà cercando di  tenerla a distanza; storie di parole inventate, storpiate, mangiate, benedette e maledette, storie di filastrocche che ti fanno sentire Rodari accanto; storie di umori appiccicosi gradevoli e sgradevoli proprio come la marmellata e le conserve Paradiso o il disgustoso sperma del viscido uomo del cinema.

“E, ancora una volta, furono dette solo le Piccole Cose. Le Grandi Cose si acquattarono dentro, non dette.”

 

 Peculiare è  il rapporto tra gli indiani del Kerala, tra quelli che hanno orgogliosamente studiato e lavorato a Oxford, che sposano Inglesi DOC, che tornano indietro e vivono lo spaesamento più totale, e quelli che restano sprofondati  nella Madre Terra umida e fangosa.

“Ammu ogni volta diceva: «Ha! Ha! Ha!» come un personaggio dei fumetti. Diceva: a) Andare a Oxford non rende necessariamente una persona intelligente. b) L’intelligenza non fa necessariamente un buon primo ministro. c) Se uno non riesce nemmeno a gestire una fabbrica di conserve in modo che renda, come potrebbe governare un intero paese? E, più importante di tutto: d) Tutte le madri indiane hanno l’ossessione dei loro figli maschi e sono quindi dei giudici molto parziali. Chacko diceva: a) Non si va a Oxford. Si frequenta Oxford. E b) Dopo aver frequentato Oxford non si può far altro che venir giù. «Giù per terra, vuoi dire?» chiedeva Ammu. «Perché è questo quello che hai fatto. Come i tuoi famosi aeroplani.»

 Bellissima la storia dei marxisti  con le loro bandiere rosse sventolanti e le dinamiche politiche e di classe uguali a quelle di oggi: giochi di potere, ipocrisia, falsità.

 Personaggi amati

Estha e Rahel, i due gemelli-ambasciatori nel loro rapporto totalizzante e nel loro profondo bisogno di amore e attenzione; Sophie Mol, la piccola signorina dai capelli biondi, figlia dell’ Indiano-Chako e dell’ Inglese-Margaret,  tanto moderna e tanto tragicamente arcaica.

Ma il protagonista assoluto della storia è l’amore che mozza il fiato, che sboccia improvviso, senza preannunciarsi, senza rispetto per le convenzioni sociali. L’amore che sconvolge i sensi e la mente, l’amore che suscita invidia, rancore, odio e violenza in chi non lo vive, l’amore-destino tra Ammu e l’intoccabile Velutha.

“Che tutto cominciò davvero nei giorni in cui furono fissate le Leggi dell’Amore. Le leggi che stabiliscono chi si deve amare, e come. E quanto.”

 “L’uomo che stava nell’ombra degli alberi della gomma, tenendo in braccio sua figlia, con monete di sole che gli danzavano sul corpo, alzò gli occhi e colse lo sguardo di Ammu. Secoli compressi in un solo attimo evanescente. La storia sbagliò il passo, fu sorpresa con la guardia abbassata. Fu abbandonata come una vecchia pelle di serpente. I suoi segni, le sue cicatrici, le ferite risalenti ad antiche guerre e i giorni del camminare all’indietro, tutto si staccò e cadde. Al suo posto rimase un’aura, un luccichio palpabile che era facile da vedere come l’acqua in un fiume o il sole lassù nel cielo. Facile da avvertire come il calore in una giornata torrida, come lo strattone dato da un pesce a una lenza tesa. Così ovvio che nessuno lo notò. In quel breve istante, Velutha alzò gli occhi e vide”

“Anche dopo, nelle tredici notti che seguirono la prima, per istinto si aggrapparono alle Piccole Cose. Le Grandi Cose stavano acquattate dentro. Sapevano che non c’era posto dove potessero andare. Non avevano niente. Nessun futuro. Perciò si aggrappavano alle piccole cose.”

 

Arundhati Roy

Cosa mi resta del romanzo? Il gioco infantile, naturale e quasi primordiale delle parole. Il loro senso tridimensionale, il loro profumo, i loro bordi aguzzi o levigati, a seconda dell’effetto che debbono produrre sul lettore.

Barcamondo

“barca che Ammu avrebbe usato per attraversare il fiume. Per amare di notte l’uomo che i suoi bambini amavano di giorno. Una barca così vecchia che aveva messo le radici. Quasi. Un vecchio, grigio barcalbero con barcafiori e barcafrutti. E, sotto, una chiazza d’erba scolorita a forma di barca. Un barcamondo sfuggente e zampettante. Buio, asciutto e fresco. Senza tetto…”

Formiche rosse in chiesa

“Chiesa delle Formiche sarebbe rimasta vuota e il Vescovo Formica sarebbe stato lì ad aspettare, col suo buffo vestito da Vescovo Formica, scuotendo fuori l’incenso da un incensiere d’argento. Non sarebbe arrivato nessuno. Dopo aver aspettato per un ragionevole tempo formichesco, avrebbe aggrottato le sue buffe sopracciglia da formica e scosso tristemente il capo. Avrebbe dato un’occhiata alle vetrate colorate in stile formichesco e, finito di guardarle, avrebbe chiuso a chiave la chiesa con un’enorme chiave e la chiesa sarebbe rimasta al buio. Poi sarebbe tornato a casa da sua moglie e (sempre che non fosse morta) avrebbero fatto il loro formichesco Pistolino Pomeridiano.”

Mi resta il messaggio sociale e personale che la scrittrice ha inviato ai suoi lettori attraverso il richiamo struggente di Ruby Tuesday dei Rolling Stones: non c’è tempo da perdere, afferra i tuoi sogni, vivili prima che svaniscano e si portino via anche la vita.

 Sinossi

” Ammu, figlia di un alto funzionario, lascia un marito violento e torna a casa con i suoi bambini, i gemelli Estha e Rahel, maschio e femmina. Ma nell’India meridionale dei tardi anni Sessanta, una donna divorziata come lei si ritrova priva di una posizione sociale riconosciuta, soprattutto se commette l’errore di innamorarsi di un paria. I gemelli vogliono bene a Velutha, l’intoccabile che la madre può amare solo in segreto, e attraverso il loro sguardo, capace di cogliere le piccole cose e i piccoli eventi, prende forma la storia di un grande amore, in cui si riflette il tema universale dei sentimenti in conflitto con le convenzioni. Nei loro pensieri e nelle loro parole risuona la critica più radicale a ogni legge che stabilisce chi si deve amare, e come, e quanto.”

Una Risposta

  1. […] A. Roy-Il Dio delle Piccole Cose. Amare le diversità. […]

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: