• Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Mondo Fuori

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

  • I viaggi della speranza e della disperazione.

    Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • Io sto con Emercency

    Guerre, Epidemie, Vite umane falcidiate... Per nostra fortuna c'è Emercency.

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • 8 Marzo 2020-Donne insieme con determinazione e speranza

    a mia madre-click&read
  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • 25 Aprile 2020- Festa della Liberazione dal nazifascismo

  • 1° Maggio 2020-Coraggio!

    R.Guttuso-Portella delle Ginestre

  • 23 Maggio-19 Luglio -Luci che non si spengono…

  • 10 Maggio 2020-Festa della Mamma

    dalla vita di una grande mamma...

  • 2 Giugno 2020-Festa della Repubblica Italiana

    Ossimori festosi: ferita, disorientata, fragile, eppure resiliente, meravigliosa e forte. La nostra Repubblica.

  • Amo l’Europa

  • 3 Ottobre 2013-3 Ottobre 2020 Ricordare, accogliere, progettare il futuro

    more

    Il 3 ottobre è diventato giornata della memoria e dell'accoglienza, una data in cui si ricordano le vittime del naufragio di Lampedusa e tutti i migranti che hanno perso la vita nel tentativo di arrivare in Italia, la porta dell'Europa.

  • 5 Ottobre 2020-Giornata UNESCO dedicata agli Isegnanti

  • 20 Novembre2020- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • 25 Novembre 2020-Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com
  • Disclaimer

    I contenuti del blog sono un’esclusiva di Affascinailtuocuore.  È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma, senza  autorizzazione dell’autrice.

    Contenuti di altri autori sono debitamente individuati con tutti i riferimenti necessari.

20 Giugno 2020- Giornata Mondiale del Rifugiato, in versi. REFUGEE BLUES di W.H. Auden

 

 

20 Giugno 2019- World Refugee Day

world refugee day 2020

 

Oggi il nostro pensiero va a tutti i rifugiati del mondo, uomini, donne, bambini in cerca di un posto  che li accolga e li faccia vivere come persone libere.

No other words than Auden’s ones, in English, because only the original language of the poem  makes you  “breathe and sense” the sad rhythm of “Blues”.

Refugee Blues

by W H Auden (1939)

Say this city has ten million souls,
Some are living in mansions, some are living in holes:
Yet there’s no place for us, my dear, yet there’s no place for us.

Once we had a country and we thought it fair,
Look in the atlas and you’ll find it there:
We cannot go there now, my dear, we cannot go there now.

In the village churchyard there grows an old yew,
Every spring it blossoms anew;
Old passports can’t do that, my dear, old passports can’t do that.

The consul banged the table and said:
‘If you’ve got no passport, you’re officially dead’;
But we are still alive, my dear, but we are still alive.

Went to a committee; they offered me a chair;
Asked me politely to return next year:
But where shall we go today, my dear, but where shall we go today?

Came to a public meeting; the speaker got up and said:
‘If we let them in, they will steal our daily bread’;
He was talking of you and me, my dear, he was talking of you and me.

Thought I heard the thunder rumbling in the sky;
It was Hitler over Europe, saying: ‘They must die’;
We were in his mind, my dear, we were in his mind.

Saw a poodle in a jacket fastened with a pin,
Saw a door opened and a cat let in:
But they weren’t German Jews, my dear, but they weren’t German Jews.

Went down the harbour and stood upon the quay,
Saw the fish swimming as if they were free:
Only ten feet away, my dear, only ten feet away.

Walked through a wood, saw the birds in the trees;
They had no politicians and sang at their ease:
They weren’t the human race, my dear, they weren’t the human race.

Dreamed I saw a building with a thousand floors,
A thousand windows and a thousand doors;
Not one of them was ours, my dear, not one of them was ours.

Stood on a great plain in the falling snow;
Ten thousand soldiers marched to and fro:
Looking for you and me, my dear, looking for you and me.

 da Affascinailtuocuore, qualche spunto in più su  Auden e su Another Time

 

20 Giugno 2019- Giornata Mondiale del Rifugiato, in versi. REFUGEE BLUES di W.H. Auden

 

world refugee day

20 Giugno 2019- World Refugee Day

 

“On World Refugee Day, I call on the international community to intensify efforts to prevent and resolve conflicts, and to help achieve peace and security so that families can be reunited and refugees can return home.” Secretary-General Ban Ki-moon

 

No other words than Auden’s ones, in English because only   the original language of the poem  makes you  “breathe and sense” the sad rhythm of “Blues”.

Refugee Blues

by W H Auden (1939)

Say this city has ten million souls,
Some are living in mansions, some are living in holes:
Yet there’s no place for us, my dear, yet there’s no place for us.

Once we had a country and we thought it fair,
Look in the atlas and you’ll find it there:
We cannot go there now, my dear, we cannot go there now.

In the village churchyard there grows an old yew,
Every spring it blossoms anew;
Old passports can’t do that, my dear, old passports can’t do that.

The consul banged the table and said:
‘If you’ve got no passport, you’re officially dead’;
But we are still alive, my dear, but we are still alive.

Went to a committee; they offered me a chair;
Asked me politely to return next year:
But where shall we go today, my dear, but where shall we go today?

Came to a public meeting; the speaker got up and said:
‘If we let them in, they will steal our daily bread’;
He was talking of you and me, my dear, he was talking of you and me.

Thought I heard the thunder rumbling in the sky;
It was Hitler over Europe, saying: ‘They must die’;
We were in his mind, my dear, we were in his mind.

Saw a poodle in a jacket fastened with a pin,
Saw a door opened and a cat let in:
But they weren’t German Jews, my dear, but they weren’t German Jews.

Went down the harbour and stood upon the quay,
Saw the fish swimming as if they were free:
Only ten feet away, my dear, only ten feet away.

Walked through a wood, saw the birds in the trees;
They had no politicians and sang at their ease:
They weren’t the human race, my dear, they weren’t the human race.

Dreamed I saw a building with a thousand floors,
A thousand windows and a thousand doors;
Not one of them was ours, my dear, not one of them was ours.

Stood on a great plain in the falling snow;
Ten thousand soldiers marched to and fro:
Looking for you and me, my dear, looking for you and me.

 da Affascinailtuocuore, qualche spunto in più su  Auden e su Another Time

 

20 Giugno 2019- Giornata Mondiale del Rifugiato, in versi. REFUGEE BLUES di W.H. Auden

 

world refugee day

20 Giugno 2017- World Refugee Day

 

“On World Refugee Day, I call on the international community to intensify efforts to prevent and resolve conflicts, and to help achieve peace and security so that families can be reunited and refugees can return home.” Secretary-General Ban Ki-moon

 

No other words than Auden’s ones, in English, because only   the original language of the poem  makes you  “breathe and sense” the sad rhythm of “Blues”.

 

Refugee Blues

by W H Auden (1939)

Say this city has ten million souls,
Some are living in mansions, some are living in holes:
Yet there’s no place for us, my dear, yet there’s no place for us.

Once we had a country and we thought it fair,
Look in the atlas and you’ll find it there:
We cannot go there now, my dear, we cannot go there now.

In the village churchyard there grows an old yew,
Every spring it blossoms anew;
Old passports can’t do that, my dear, old passports can’t do that.

The consul banged the table and said:
‘If you’ve got no passport, you’re officially dead’;
But we are still alive, my dear, but we are still alive.

Went to a committee; they offered me a chair;
Asked me politely to return next year:
But where shall we go today, my dear, but where shall we go today?

Came to a public meeting; the speaker got up and said:
‘If we let them in, they will steal our daily bread’;
He was talking of you and me, my dear, he was talking of you and me.

Thought I heard the thunder rumbling in the sky;
It was Hitler over Europe, saying: ‘They must die’;
We were in his mind, my dear, we were in his mind.

Saw a poodle in a jacket fastened with a pin,
Saw a door opened and a cat let in:
But they weren’t German Jews, my dear, but they weren’t German Jews.

Went down the harbour and stood upon the quay,
Saw the fish swimming as if they were free:
Only ten feet away, my dear, only ten feet away.

Walked through a wood, saw the birds in the trees;
They had no politicians and sang at their ease:
They weren’t the human race, my dear, they weren’t the human race.

Dreamed I saw a building with a thousand floors,
A thousand windows and a thousand doors;
Not one of them was ours, my dear, not one of them was ours.

Stood on a great plain in the falling snow;
Ten thousand soldiers marched to and fro:
Looking for you and me, my dear, looking for you and me.

 da Affascinailtuocuore, qualche spunto in più su  Auden e su Another Time

 

W.H.Auden-ANOTHER TIME. “Time will have his fancy”

 

Il Libro di Maggio 2012_Affascinailtuocuore 001

Another Time- di W.H Auden-La Grande Poesia-Corriere della Sera N.15-2012

 

Ogni tanto fa bene immergersi nella poesia. Non smette mai di sorprenderti. Pensi alla poesia come a qualcosa di alto, o meglio di visto dall’alto, lontano dalla terra, e ri-scopri, invece la vita, nei suoi molteplici aspetti. Vivi l’appassionata denuncia sociale, l’amore intenso per un’altra persona, i legami forti con i tuoi simili, il rispetto per i grandi, la pietà per gli umili e gli infelici.

In Another time (Un altro tempo) di W.H. Auden, trovo parole compagne di vita e specchio dell’attualità. Poesia universale.

Mi piace trascrivere qui alcuni dei versi che mi hanno coinvolto. Per cominciare, mi ritrovo nella bellissima prefazione di Sandro Veronesi al volume e nella sua  scelta dell’Ode al Cittadino Ignoto (The Unknown Citizen) come paradigmatica della poesia di Auden. Tutti siamo in fondo dei “John Doe”, dei cittadini comuni, anonimi che si  dividono  posti, situazioni, ansie e dunque tutti sanno tutto di tutti… Significativi i due musicalissimi versi finali.

Was he free? Was he happy? The question is absurd:
Had anything been wrong, we should certainly have
heard.

Efficace e suggestiva, anche agli occhi di un lettore di oggi Law, da People and Places:

“Law say the gardeners, in the sun,
Law is the one
All gardeners obey
To-morrow, yesterday, to-day

Nella stessa poesia Auden azzarda un’ intrigante similitudine tra Amore e Legge:

Although I can’t at least confine
Your vanity and mine
To stating timidly
A timid similarity,
We shall boast anyway:
Like love I say.
Like love we don’t know where or why
Like love we don’t compel or fly
Like love we often weep
Like love we seldom keep

Da Herman Melville, una suggestione antica: il male dentro, in eterna lotta distruttiva con il bene:

 

 

Evil is unspectacular and always human,
And shares our bed and eats at our own table,
And we are introduced to Goodness every day.

Even in drawing-rooms among a crowd of faults;
he has a name like Billy and is almost perfect
But wears a stammer like decoration: And every time they meet the same thing has to happen;

It is the Evil that is helpless like a lover
And has to pick a quarrel and succeeds,
And both are openly destroyed before our eyes.

Arriva il tempo, il tempo/amore, il tempo/vita in                 

XXVI  As I walked out on evening

In headaches and in worry
Vaguely life leaks away,
And Time will have his fancy
To-morrow or to-day.

Bellissima. Reminiscenze classiche, fascino eterno del tempo che scorre inesorabile e che spinge l’uomo a soggiacere al suo bisogno impellente di cogliere l’attimo.

E il legame con Another Time è immediato e inevitabile

For us like any other fugitive,
Like the numberless flowers that cannot number
And all the beasts that need not remember,
It is today in which we live.

So many try to say Not Now,
So many have forgotten how
To say I Am, and would be
Lost, if they could, in history…

Le Ballate contenute nei Lighter Poems, evocano suggestioni antiche, medievali e romantiche. Evocano Spoon River, ritratti eterni e situazioni moderne e reali. Sentite quello che dice il Dr Thomas dopo aver visitato Ms Gee , nell’omonima ballata

Said, “Cancer’s a funny thing.

“Nobody Knows what the cause is,
Though some pretend they do;
It’s like some hidden assassin
Waiting to strike at you.”

Sorte bizzarra attende il corpo di Ms Gee, dopo la sua morte: alla facoltà di anatomia…studenti di Oxford procedono con la dissezione del suo ginocchio.

Quasi soffocante, da stringere alla gola, il ritratto dello studioso James Honeyman, inventore tragico degli atroci gas bellici…

Ormai una poesia cult Funeral Blues, resa famosissima dal film Quattro matrimoni e un funerale (1994) di Mike Newell, è uno dei più caldi messaggi d’amore esistenti in poesia, sebbene ricchi di richiami classici come stelle, luna, punti cardinali… notte.

Cito con piacere anche Roman Wall Blues (Blues del Vallo Romano) perché mi riporta ai giorni intensi e sorprendenti che ho vissuto nel Nord dell’Inghilterra, alla scoperta dello Yorkshire (Auden nasce proprio nella magnifica York), del Vallo di Adriano, del suggestivo viaggio in Scozia, up and down the Roman Roads. E poi le North Yorkshire Moors coperte da mari d’erica colorata e l’apparizione agognata delle sorelle Brontë!

Over the Heather the wet wind blows
I’ve lice in my tunic and a cold in my nose.

The rain comes pattering out of the sky,
I’m a Wall soldier, I don’t know why…

E mi piace scoprire  i legami con l’attualità in Refugee Blues. Mi vengono in mente i CIE/Centri di Identificazione ed Espulsione, l’inumana condizione dei detenuti e le loro vite sospese “in attesa di IDENTIFICAZIONE”. Auden parla di guerra,  di rifugiati e soldati e burocrati pignoli e violenti. Tre strofe significativamente tragiche dalla poesia:

The consul banged the table and said:
‘If you’ve got no passport, you’re officially dead’;
But we are still alive, my dear, but we are still alive.

Went to a committee; they offered me a chair;
Asked me politely to return next year:
But where shall we go today, my dear, but where shall we go today?

Came to a public meeting; the speaker got up and said:
‘If we let them in, they will steal our daily bread’;
He was talking of you and me, my dear, he was talking of you and me.

Un salto nella gloriosa storia di rivoluzionari visionari in Spain (Occasional Poems 1937  ). Qui il contrasto tra ieri-il -progresso e oggi-la-lotta…una lotta destinata ineluttabilmente a fallire, nonostante la partecipazione di grandi anime e cuori da tutto il mondo: letterati, intellettuali romantici e idealisti che accorrono in soccorso della libertà.
Alla fine, nell’ultima strofa:

The stars are dead. The animals will not look.
We are left alone with our day, and the time is short, and
History to the defeated
May say Alas but cannot help nor pardon.

September 1° 1939 e 11/9 vengono spesso associate. Stesso setting: New York, stesso momento di stravolgimento del mondo. September 1° 1939, invasione tedesca della Polonia e di fatto inizio della seconda guerra mondiale; 11/9 attacco alle Torri Gemelle del World Trade Center.

Date simboliche di un Occidente in Fiamme! Giudicata troppo retorica e “infetta d’incurabile disonestà” dallo stesso Auden, September 1° 1939, torna attuale e condivisa dopo l’attacco alle torri. Pubblicata il 15 Settembre sul quotidiano The Guardian, comincia a circolare in Internet e

appare a moltissimi lettori come la descrizione più onesta e fedele del clima di paura e incertezza calato all’improvviso su New York e l’Occidente tutto”( note dall’Edizione del Corriere della Sera p.244)

Di Auden è l’appello controverso:

“We must love one another or die”!

W.H.Auden: un bell’incontro per andare verso l’estate, poeticamente, saltellando tra una quartina e l’altra dei suoi People and Places, Ballads, Blues and other Lighter  and Occasional Poems, con i  grandi della Modernità: Freud, Yeats, Melville, Pascal, Voltaire, Rimbaud…

G. Carofiglio-LA MANOMISSIONE DELLE PAROLE. L’uso tossico delle frasi fatte…

manomissione delle parole

A word is dead

When it is said,

Some say.

I say it just

Begins to live

That day

Emily Dickinson, 1894

 

Mi piace iniziare con Emily questa passeggiata-viaggio tra gli Atti di Parola  (Speech Acts di Austin). Non pietre, non pugnali, che già sono metafore e in un certo senso “atto di manipolazione”,  ma  vere e proprie performances.

E mi viene subito in mente ieri e Paolini e Aus Merzen. La   lettera di Hitler con l’Aquila d’oro (sbiadita), che autorizza i medici a fare quello che poi hanno fatto. E la lettera della mamma di quella “ragazza inutile”. Che pathos e che rabbia…

Oggi sono con Gianrico che mi porta dritta dritta dentro la  rete (ancora una volta) delle mie idee, conoscenze, esperienze linguistiche e fa ri-affiorare tutte le emozioni provate di fronte alla coscienza civile, le sofferenze e l’amore raccontati  da Elias Canetti in  La lingua salvata.

Rivivo il senso di disagio provato quando per la prima volta ho scoperto la “Newspeak” e la “Thought Police” di George Orwell in 1984 e ho assaporato il gusto  amaro e tragicomico della lingua di Animal Farm, esempio brillante del “Frozen”  linguaggio giuridico-normativo, manipolato nei famosi Sette Comandamenti dell’Animalismo. 

Un saggio/manuale di analisi testuale questo di Carofiglio, con un destinatario preciso in mente: il Cittadino Italiano, noi, voi, questa società attonita, smarrita, automatizzata da riti comunicativi sempre più deprimenti.

 Invictus, questa è la lezione? Coraggio e dignità che arrivano da un bambino di 12 anni, sofferente. Il poeta William Hernest Henley a cui  Morgan Freeman e Clint Eastwood hanno dato voce e diffusione nel meraviglioso film Invictus sul Sud Africa. Coraggio e dignità, tornare a dire a se stessi, con il poeta:

“Io sono il Capitano della mia anima”.

Scegliere dunque e superare l’indifferenza. Gramsci dice che nella Città Futura (1917):

“La catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa  che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è  nessuno che  stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano…”

Andiamo a leggere  del “terrore semantico” nei verbali ufficiali, con Calvino (1965); Klemperer e l’uso tossico delle frasi fatte, parole come “dosi minime di arsenico” e Levi e Don Milani con il suo: “NO” e Cicerone e Dante e Lewis Carroll e De Toqueville.

L’amore, Il governo del fare, la Democrazia. La sinistra e le sue frozen “parole d’ordine” codice d’accesso, o di chiusura? E le parole scritte come parole sociali e collettive di Nadine Gordimer; Bob Dylan e l’ “answer blowing in the wind…”;

Conclusioni

I titoli dei suoi  libri dicono molto della passione e dell’intimo piacere che Carofiglio prova nel maneggiare le parole. In Le perfezioni provvisorie, escogita un ossimoro intrigante. Quale perfezione è mai provvisoria? Oppure vuole invitarci a godere la perfezione dell’attimo compiuto? Del “moment of being” di Virginia Woolf?

Il cogli-l’attimo di un commissiario che ama andare in bicicletta e rifugiarsi nella città notturna? Forse, ma poi la Manomissione delle parole invita a proiettarsi dal passato al futuro, quasi un rito pedagogico, per educare all’uso consapevole delle parole.

Le ultime pagine bianche del libro sono piene zeppe di note sugli aspetti che mi hanno coinvolto, commosso, travolto. Un prezioso manuale per il cittadino/custode della parola. Bellissimo e utile. Vero e Bello!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: