• Mondo Fuori

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • 8 Marzo 2020-Donne insieme con determinazione e speranza

    a mia madre-click&read
  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • BREXIT- L’ora è scoccata

    Sentimenti contrastanti accompagnano questo momento. Il mio cuore è lì, Oltremanica. E sento come uno strappo, un'ulteriore barriera tra me e i miei affetti. Ho bisogno di tempo e di freddezza per rielaborare il significato di questo evento .

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

  • 25 Novembre-Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

    Il racconto dell'ancella di M.Atwood-Giochi di potere sul corpo delle donne

    RISPETTO E PREVENZIONE

  • Giornata Mondiale del Migrante 2019- Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra. Ancora morti, tanti. Troppi!

    Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • 19 Luglio -Luci che non si spengono

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 2 Giugno 2019-Festa della Repubblica Italiana

  • Amo l’Europa e il 26 Maggio VOTO.

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • 25 Aprile 2019- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • 20 Novembre2017- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com
  • Disclaimer

    I contenuti del blog sono un’esclusiva di Affascinailtuocuore.  È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma, senza  autorizzazione dell’autrice.

Gianni Rodari-NOVELLE FATTE A MACCHINA. Voglia di fantasia

Novelle scritte a macchina-cop

 Se in un giorno di Novembre, insolitamente assolato e caldo, sentite un languore quasi primaverile invadervi, abbandonatevi al mondo fantastico delle Novelle fatte a macchina di Gianni Rodari.
Nel bel mezzo di una fantasia civile, lunare, ironica e amica vi ritroverete, storia dopo storia, con il sorriso sulla bocca, i muscoli facciali che danzano felici e una gran voglia di restare bambini, tra giocattoli improbabili e personaggi strampalati che a volte incontriamo dentro e fuori di noi.

“specchio specchio cortese qual è l’automobile più bella del paese?”

20151120_162625Certamente non quella del commendator Mambretti, ma quella del ragionier Giovanni, detto Biancaneve, che suona il violino e si compra una macchinetta rossa con l’eredità di zia Giuditta. 

“Non più alta di uno sgabello. Pare un’automobile rimasta bambina per mancanza di vitamine”  da Padrone e ragioniere ovvero l’automobile, il violino e il tram da corsa.

Marco e Mirco contro la banda del talco sventano i furti  a suon di martelli volanti e intelligenti.A voi scoprire perchè e per chi il dottor Diabolus ruba quantità industriali di talco, vi divertirà un mondo!

Ilpostino di Civitavecchia-GRIl postino di Civitavecchia, detto Grillo per la sua corporatura minuta ma di gran potenza fisica, si allena di nascosto e arriva a sollevare pesi incredibili:

“…si avvicina a una nave da carico battente bandiera turca, millecinquecento tonnellate di stazza, dice-Oh.hop!perchè tutto sia regolare, e solleva il bastimento fin che si vede l’elica. A bordo qualcuno grida un paio di parole turche, ma Grillo, non conoscendo quella lingua, non risponde.”

Solleva di tutto e di più. Arriva addirittura in Egitto, indietro nel tempo , a costruire piramidi, “con le sue mani da postelegrafonico”!

Venezia da salvare ovvero diventare pesci è facile. Il fantastico Sior Todaro vuole correre ai ripari dal momento che lo studioso giapponese So Hio So Hio ha previsto che nel 1990 Venezia scomparirà: “Emergerà dalla laguna solo la punta del campanile di San Marco”.  L’unica soluzione per scampare alla tragedia è diventare pesci. Surreale, divertente e romantico!

Il professor TerribilisIl professor Terribilis ovvero la morte di Giulio Cesare. Quando arriva il momento di interrogare i suoi alunni il professor Terribilis si allunga fino a sovrastare feroce il povero malcapitato.

“Prima confessa, prima la rimetto in libertà”

Questo il suo tono. La questione da dirimere consiste nel numero di pugnalate che hanno trafitto Cesare: 23 o 24? Nessuno rinuncia alla sua tesi. Urge dunque un viaggio nel passato a bordo della macchina del tempo dell’agenzia Crono-Tours, per verificare. E l’avventura ha inizio. Chi vincerà la sfida e cosa succederà ai viaggiatori del tempo?

Miss Universo-GRIn Vado via con i gatti, nonni ex capostazione trascurati e scontenti, maestre in pensione amanti dei gatti, un netturbino, un magistrato, insomma varia umanità in fuga dall’abbandono e dall’isolamento affettivo, si trasformano in gatti, tanti gatti romani che occupano il Colosseo per avere la stella Gatto. Tutti i più importanti monumenti del mondo saranno occupati dai gatti.

“I gatti dell’intero pianeta avanzeranno la loro richiesta agli astronomi in tutte le lingue. Un giorno, anzi, una notte, la stella Gatto brillerà di luce propria”.

Il motociclista innamorato, ovvero del folle amore di Eliso per Micia, la motocicletta rossa e di come il padre, commendator Mambretti fa di tutto perchè questo amore finisca. Ci pensa l’agente segreto Kappa-Zero. Ma un nuovo amore, altrettanto folle e imprevisto assale Eliseo.

Pianoforte Bill-GRE poi ci sono il Pianoforte Bill, la musica , le partite di calcio, Il mondo in scatola e le telecronache di Tito Stagno. La soluzione fantastica del problema infinito, Delfina cenerentola veneziana nella  favola rivisitata; Bambole, bambine e ruolo della donna nel gioco e nella vita-esilarante e folle; parlare con i marziani, insegnare le lingue, i fumetti…

Queste storie sono così ricche di spunti poetici, divertenti e intelligenti che sarei tentata di raccontarvele tutti qui. E invece vi lascio alla bellezza della lettura di ogni riga, di ogni parola. Vi lascio al gusto di ritrovare personaggi ed eventi, anche reali, che si rivitalizzano nel mondo fantastico di Rodari.

A proposito, quanto mai contemporanea e stuzzicante è  la prima storia, Il coccodrillo sapiente, e sapete perchè? Fabio Fazio sta organizzando una nuova versione del Rischiatutto... Chissà se ha letto questa storia. Spero proprio di sì.

E per concludere, da Una per ogni mese, vi racconto la storia di Dicembre:
Il Vocabolario, accompagnata dalle illustrazioni di Valerio Vidali

M.Garrone-ILRACCONTO DEI RACCONTI tra horror, fiaba, amore e piacere sublime

 

 

 

 

    ilracconto dei racconti -loc

Venerdì 15 Maggio. Pomeriggio piovoso di metà Maggio, a Padova.

Desiderio profondo di sollevarsi dagli affanni quotidiani e terreni:

“Andiamo al cinema?”

Il Racconto dei Racconti di Matteo Garrone ci spinge ad andare, dopo qualche mese di “latitanza” dalle sale cinematografiche. Porto Astra ci accoglie in un Pomeriggio Anziani. Ma quanti siamo? Tanti…

Comincia il film e per due ore veniamo catturati dall’ ambientazione, dai costumi, dalla recitazione, insomma, dal fascino fantastico dello story telling.

 La Regina, La Pulce, Le Due Vecchie, sono tre racconti adattati da Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de peccerille, di Giovambattista Basile (Napoli, 1634-1636)

trasformazioniLe Due Vecchie sorelle affamate d’ amore, con le loro trasformazioni cenerentolesche, risultano molto attuali, specialmente nell’ossessione di Dora  di “farsi scorticare” per ringiovanire. Ma la realtà è un nemico duro da plasmare!

La Pulce racconta di una sorta di “La bella e la bestia”, con un orco vinto dall’amore, con un re-padre pazzo che accudisce la sua pulce con dedizione maniacale, e una figlia che diventerà, dopo tante peripezie, il vero sovrano del castello.

La Regina  sigla  una specie di patto con il diavolo, per amore del  figlio, mettendosi totalmente in gioco insieme all’amato marito, fino ad arrivare al sacrificio finale.

Sil dragotupenda l’epica lotta con il drago nelle profondità acquose, del tenero re che ama  la sua regina di un amore assoluto e  per lei muore cavallerescamente. Uccide il drago, gli strappa il cuore che, toccato da una vergine, servirà alla regina per procreare. Ma il cuore  riserverà delle sorprese…

Il gioco a rincorrersi nel labirinto, riproduce in chiave fiabesca la natura speciale dei gemelli, figli dell’acqua e della terra. I gemelli: un classico delle più grandi storie di tutti i tempi (Plauto, Shakespeare, Goldoni e tanti ancora).

La scena del labirinto riflette simbolicamente la confusione della mente umana, la ricerca dell’altro, ma anche il bisogno di trovare se stessi e allo stesso tempo, una via d’uscita…

L’amore, vero motore di questo film, viene declinato in tutte le sue sfaccettature e calato all’interno di un’umanità, che sebbene incarnata in personaggi fiabeschi e spesso grotteschi, risulta così vera che più vera non si può.

 clip_image004 I luoghi sono i grandi protagonisti. Mentre guardavamo la  lotta estrema  del re buono alla conquista del cuore fecondatore del drago marino, ci siamo chiesti:” “Ma sono le gole dell’Alcantara, in Sicilia? Forse sì”.

Non abbiamo letto molto del film prima di vederlo, non lo facciamo mai. Tecnica di visione inconsapevole…

Poi i titoli di coda confermano la nostra ipotesi.

E insieme a questo luogo paurosamente sublime, ci lasciamo travolgere anche da tutti gli altri. Bellissimi. C’è un po’ della magia del mio Abruzzo, terra natale e molto del fascino della Sicilia, mia terra d’adozione.

Fatevi un giro tra i  link  se non avete avuto la fortuna di  visitare questi posti di persona: 

“Le riprese del film sono iniziate il 15 maggio 2014 e sono durate quattro mesi[2][3]; si sono svolte interamente in Italia tra Napoli[4](tra cui il Palazzo Reale[5]), Toscana[6] (a Sovana e Sorano[7], nel Castello di Sammezzano di Reggello[8] e nel Palazzo Vecchio di Firenze[8][5]), Puglia (a Castel del Monte, Gioia del Colle, Mottola e Statte[9]), Sicilia (nel Castello di Donnafugata e nelle Gole dell’Alcantara[10]) ed Abruzzo (nel castello di Roccascalegna[11])Wikipedia

Tanto Romaticismo dunque, nei luoghi e nello spirito dei racconti, per suscitare nello spettatore il Delightful Horror di Samuel Burke:

“The passion caused by the great and sublime in nature is astonishment, and astonishment is that state of the soul in which all its motions are suspended, with some degree of horror. The mind is so entirely filled with its object that it cannot entertain any other, nor reason on that object which fills it. Astonishment is the effect of the sublime in its highest degree; its inferior effects are admiration, reverence, and respect. No passion so effectually robs the mind of all its powers of acting and reasoning as terror; and whatever is terrible with regard to sight, is sublime” read more

E a proposito di terrore e stupore e sublime, mi ha davvero colpito la scena dei teatranti uccisi dall’orco. Ho avuto la sensazione di trovarmi davanti a un quadro di Caravaggio.

 i sovrani  del mondo delle fiabeCostumi fantastici aggiungono magia e bellezza al tutto. Nella loro leggerezza e preziosità riescono a far intuire la fatica e l’impaccio, specialmente delle donne, nell’indossarli (la Sartoria Tirelli è sempre lì…grandissima),

 

clip_image007Attori credibili e bravissimi. Tra tutti mi è  piaciuto moltissimo  lo stralunato re, interpretato da Toby Jones. Kafkiana la vicenda del re e della pulce. Intenso il loro rapporto grottesco, che mi ha fatto pensare alle trasformazioni del giovane Gregor Samsa, nelle Metamorfosi, altra grande storia classico/moderna.

I numerosi spunti culturali, vengono rivissuti  in chiave moderna e adulta, con occhi nuovi e fantasia antica. Come accade nella  scena finale, in cui   l’equilibrista sul filo sospeso ad altezza vertiginosa tra  le fiamme,  cattura lo sguardo di Viola, ora autorevole regina, attraversato solo per un istante dal ricordo del suo salvatore, ed ora serenamente rivolto al cielo, alla fantasia, alla vita.

 GarroneBel film. Un vero grande spettacolo dell’umanità, raccontato in modo coinvolgente.  Mai un cedimento di tensione, mai un momento di noia o stanchezza nello spettatore.

 Il finale di queste tre  fiabe non lascia in bocca né il sapore dolciastro del buonismo melenso né il sapore amaro della tragedia, ma solo un senso di “rassicurante” realtà.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: