• Mondo Fuori

  • I viaggi della speranza e della disperazione.

    Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • Io sto con Emercency

    Guerre, Epidemie, Vite umane falcidiate... Per nostra fortuna c'è Emercency.

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • Amo l’Europa

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • 8 Marzo 2021-Donne e uomini insieme con determinazione e speranza

  • 25 Aprile 2020- Festa della Liberazione dal nazifascismo

  • 1° Maggio 2020-Coraggio!

    R.Guttuso-Portella delle Ginestre

  • 10 Maggio 2020-Festa della Mamma

    dalla vita di una grande mamma...

  • 5 Ottobre 2020-Giornata UNESCO dedicata agli Isegnanti

  • 23 Maggio-19 Luglio -Luci che non si spengono…

  • 2 Giugno 2020-Festa della Repubblica Italiana

    Ossimori festosi: ferita, disorientata, fragile, eppure resiliente, meravigliosa e forte. La nostra Repubblica.

  • 3 Ottobre 2013-3 Ottobre 2020 Ricordare, accogliere, progettare il futuro

    more

    Il 3 ottobre è diventato giornata della memoria e dell'accoglienza, una data in cui si ricordano le vittime del naufragio di Lampedusa e tutti i migranti che hanno perso la vita nel tentativo di arrivare in Italia, la porta dell'Europa.

  • 20 Novembre2020- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • 25 Novembre 2020-Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

  • Disclaimer

    I contenuti del blog sono un’esclusiva di Affascinailtuocuore.  È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma, senza  autorizzazione dell’autrice.

    Contenuti di altri autori sono debitamente individuati con tutti i riferimenti necessari.

Ho scoperto un Pastore: Menashe Kadishman

Menashe KadishmanRicordate  Fil,  nella mia recensione di  Non so niente di Te di  Paola Mastrocola?

E il pastore della Vergine Azzurra di Tracy Chevalier?

E  la  mia sorpresa nei confronti delle pecore protagoniste letterarie?

E ricordate anche  il fascino magico del mondo agricolo di Mornings in Jenin di Susan Abulhawa?

Oggi un nuovo incontro “pastorale” attraversa il mio cammino…pecore M_Kadishman

 Il “pastore” che portò il suo gregge alla Biennale di Elena Lowenthal (La Stampa), mi ha aperto un mondo che ignoravo, quello di Menashe Kadishman, della sue pecore e della sua arte, che certamente si armonizza con tutti gli scenari narrativi  delle opere citate sopra:

”  Kadishman…nasce a Tel Aviv nel 1932 ma facendo il servizio militare in fanteria  viene “folgorato” dall’incontro con le pecore…

Nel 1978 porta alla Biennale di Venezia il suo gregge-vivo, vero e colorato…(Ermanno Tedeschi, intervistato nell’articolo citato)”

 

P.Coehlo-L’ALCHIMISTA. L’anima universale di Santiago mi emoziona.

         PC-alchimista-affascinailtuocuore

I libri di Coelho mi provocano emozioni molto forti. Temevo dunque che alla fine della nuova storia mi sarei sentita “scossa”. E questo è in fondo il motivo che mi ha impedito a lungo di leggere L’Alchimista. Non volevo lasciarmi travolgere.

Ora, finalmente, mi lascio catturare dalla copertina di Catalina Estrada (Edizione Bompiani) e comincio a leggerlo.  Arrivo soddisfatta alla fine e la temuta scossa non c’è. 

Il viaggio con Santiago mi emoziona comunque, per i luoghi che attraversa, per le atmosfere in cui si cala, per le scoperte su se stesso e sul mondo che fa, passo dopo passo, luogo dopo luogo.

Mi emoziona dunque per quell’anima universale che lo abita e che accomuna tutti gli uomini e le donne in viaggio verso il loro  Tesoro, verso  la loro Leggenda Personale.

  

Alchimista_copertinaestrada 001

 

Suggestiva, colorata e bella la mappa del tesoro di Catalina Estrada,  che ci mostra  il percorso di Santiago attraverso l’’Andalusia e le sue sterminate pianure, fino a Tarifa, finestra sullo Stretto di Gibilterra, e poi l’Africa magica, da Tangeri al deserto immenso, fino all’oasi illuminante, dove Santiago incontra il suo destino e scopre l’amore vero.  Poi, via verso le Piramidi, alla scoperta del Tesoro. 

clip_image0024.jpg

Tarifa

 

 

Durante il suo  viaggio il giovane pastore  incontra tanta gente e tanta esperienza: la zingara che legge il futuro, il re, l’uomo dei cristalli, l’uomo del mais, l’Inglese che vuole diventare Alchimista, gli uomini del deserto, le donne degli uomini del deserto, l’Alchimista finalmente, i monaci, i guerrieri blu e quelli neri.

clip_image004_thumb.jpg

Diventa l’UomoVento. incontra le sue paure e le sue sconfitte, che lo aiutano  a sentire, a capire,  a diventare Uomo. Impara a riconoscere e interpretare i segnali come il Vecchio Re gli aveva suggerito. Si lascia guidare dal suo cuore (che mai gli mentirà) proprio come l’Alchimista gli aveva consigliato. Impara a comunicare attraverso  i tanti linguaggi  che l’uomo sa usare quando  ne ha bisogno:   la lingua del cuore, del corpo, della natura, delle parole, spesso sconosciute e straniere.

Alchimie dell’ansia da foglio bianco.

  Nella Presentazione del libro, Coelho ci accompagna verso il cuore del romanzo, sin dalla sua genesi. A me piace riportarne alcune righe: 

  

“Oggi, nel momento in cui mi sono seduto davanti a questa pagina, mi è sovvenuta una calda sera del febbraio 1988, quando mi trovai ad affrontare un altro foglio bianco.

L’ansia stava montando in me: avevo passato l’intera giornata rinviando quel momento[…] Camminai con passo svelto lungo i marciapiedi di Copacabana, avvertendo una certa nostalgia per la Spagna, dove avevo vissuto per qualche tempo e dove ero solito vedere il medesimo cielo annuvolato e subire la stessa calura mattutina.[…]

Avevo già scritto il Cammino di Santiago[…]Dovevo andare avanti, dovevo perseverare, affinchè il mio sogno continuasse a vivere, affinchè il mio fiume di parole non cessasse di scorrere.

Tornai a casa[…] Fu allora che mi ricordai di un verso di Fernando Pessoa:

“Lo specchio riflette esattamente ciò che vede:

non sbaglia perché non pensa”.

Che mirabile verità!

“Non devo pensare! Devo agire, ora, ed essere come il lago che riflette il cielo, senza tentennamenti”. Posai le dita sulla tastiera della mia Olivetti elettrica[…]

Ma come cominciare?

Silenzio. La fuori, il rumore della vita sembrava essere fagocitato dalla notte. Senza che lo volessi, si ripresentò alla mia mente l’immagine del mare agitato che avevo veduto quella mattina. In lontananza scorsi un punto nero all’orizzonte: un’imbarcazione in procinto di salpare, ballonzolando sulle onde. Un uomo levava faticosamente l’ancora, per andare incontro alla sua avventura. Era vecchio, ma i suoi occhi brillavano di un azzurro profondo. Lo riconobbi.

Santiago.

Il vecchio e il mare di Hemingway.

Santiago!

“Il vecchio si chiamava Santiago” E nel prosieguo del libro, l’autore non menziona più, neppure una sola volta, il nome del protagonista-per lo meno, io ricordavo questo.

Fu allora che vidi la prima riga spuntare dalla pagina: “Il ragazzo si chiamava Santiago” E in quell’istante magico, seppi che oltre quelle semplici parole c’era un intero libro.

Avrei raccontato la storia di un altro me stesso, la storia di quel pastore che ero sempre stato, anche se non avevo mai avuto un gregge di pecore da governare-soltanto sogni. Santiago avrebbe raffigurato lo specchio della mia vita e si sarebbe cimentato con tutti gli ostacoli i crocevia, gli errori di una persona che decide di inseguire il proprio tesoro…”

  

Pecore e pastori

clip_image006.jpg

Ancora una volta, in questa strana estate 2013, il caso mette sulla mia strada  le pecore, i pastori e la favola dell’uomo. E tutte le storie si incontrano! Quello che mi piace di questo mio vagabondare tra i libri è la possibilità di incontri sorprendenti. Non si inventa mai nulla nel raccontar storie: da ogni parola, da ogni idea salta sempre un maestro nascosto che ispira la scrittura.

Casualità simboliche? Segnali del cuore? La Vergine Azzurra di Chevalier e il suo misterioso  pastore ”fluviale” di cui conosciamo poco, se non che è alto, bello, bruno e appassionato e infiamma il cuore di Isabelle. In Non so niente di te di Mastrocola,  Fil, mancato economista, amante della lettura e delle Shropshire Sheep  assomiglia molto a Santiago che, come lui, lascia la “comodità” del suo piccolo mondo noto, con tre monete in tasca da investire nel gregge e parte per la sua coraggiosa esplorazione della vita e dei luoghi.

Tutti seguono il  cuore per arrivare alla propria Leggenda Personale. La storia è tutta qui. I giovani pastori sentono profondo il bisogno di conoscere il loro cuore e come il mondo intorno  li possa aiutare  a far pulsare forte quel cuore.

 

“Un’ imbarcazione è più sicura quando si trova in porto; tuttavia non è per questo che le barche sono state costruite” (Il Cammino di Santiago)

P.Mastrocola-NON SO NIENTE DI TE. La vita a geometrie variabili

Ho deciso di leggere questo libro senza sapere nulla del suo contenuto. Di Mastrocola avevo letto Una barca nel bosco, preso in prestito dalla piccola biblioteca di mia figlia. Di quella storia ricordo non tanto lo spaesamento sociale del protagonista, figlio di meridionali immigrati nell’algida Torino, ma il paradosso di quella foresta puntigliosa costruita, foglia dopo foglia, all’interno della sua casa, metafora della costruzione di un’ identità “vegetale”, che fornisce ossigeno alla sua vita e a quella degli altri.

unabarcanelbosco_mastrocola

Di Mastrocola apprezzo  proprio il paradosso come elemento narrativo catalizzatore di eventi. Lo utilizza per sdrammatizzare o per illuminare i personaggi, la loro quotidianità, i rapporti problematici tra genitori e figli, i conflitti e i cambiamenti sociali.

In Non so niente di te il paradosso riguarda ancora una volta un giovane uomo, Filippo detto Fil, e la sua famiglia, questa volta alto-borghese, influente, residente in una ricca città del nord ai tempi della grande crisi globale del 2008.

 

NON SO NIENTE DI TE_MASTROCOLA

Il narratore ci parla dal 2060 e il suo è il ritratto di un mondo ormai scomparso, visto dall’alto! Saltano tra le parole, quasi come immagini in un pop-up book, scene della nostra contemporaneità: credit crunch, crisi globale, teorie economiche in antitesi tra loro, governi di emergenza, disorirentamento sociale. Una specie di riassunto letterario degli ultimi cinque anni di vita Italiana, Europea e  mondiale.

cafe a broad street OxMi piace molto la scenetta iniziale tra Burt e Judith, coppia di anziani pacificati, seduti al solito tavolino del solito bar, a fare colazione e a ricordare con nostalgia il passato, in un tempo dilatato di Novembre in cui l’aria inglese sa ancora di Indian Summer e può regalare mattinate dolci. Parlano di foglie cadute, di caducità della vita, di poeti incontrati nel passato, di ovvietà da terza età, che però emanano un fascino senza tempo…

“Quand’ecco che un compatto gregge di pecore sbucò dall’angolo, invase a poco a poco la via e cominciò ordinatamente a entrare, animale dopo animale, nel portone del Balliol College.

‘Sheep!’ esclamò Judith

 ‘Oh my God!’ Le fece eco Burt, smettendo di sorseggiare il caffè…”

Balliol College_Oxford

Fil è il figlio ideale, quello che fa le scelte giuste, con naturalezza conseguenziale. Si laurea a pieni voti alla Bocconi, frequenta un master alla London School of Economics approda al dottorato di Stanford e quindi, accede inevitabilmente ai piani altissimi della finanza o della politica o altro di questo livello. Il percorso “giusto” per contare nella società “giusta”. Questi i piani dell’orgoglioso papà Cantirami.

pecore Suffolk

Ma Fil, altrettanto naturalmente, inciampa nelle pecore Suffolk dal muso nero, che pascolano libere nel verde ipnotizzante dell’ Oxfordshire. Insieme a loro ri-orienta il suo destino  verso la piena realizzazione del suo più vero e profondo self, al ritmo del suo tempo interiore, lento e riflessivo.

La scelta è sua e ne sopporta le conseguenze, inclusi il dolore, lo sconcerto, la rabbia e la delusione dell’onnipotente padre, Guido Cantirami, costretto a scendere dal suo scranno e a confrontarsi con la grandezza e l’originalità delle scelte “controcorrente” di suo figlio. Anche la mamma e la zia prediletta, Giugiu, sono obbligate a rivedere la loro vita e i loro rapporti passati con Fil, alla luce di quanto vanno scoprendo su di lui. Il processo è immediato e quasi salvifico.

Fanno da co-protagonisti le simpatiche pecore dal muso nero, vere catalizzatrici della storia, le prestigiose Università Inglesi e Americane, duchi gentili è un po’ nel pallone, economisti di rango, economisti emergenti, ricche fanciulle occupy qualcosa, ammalianti  fiordi norvegesi.

fiordi norvegesi

Personaggio amabile e necessario è la zia Giugiu, che lavora alla Biblioteca Centrale della città e che impara l’Inglese (e tutti pensano che lo faccia per amore di Fil che lei decide di andare a trovare in America) e finalmente capisce, con stupore e felicità, il significato delle parole di The Sound of Silence di Simon and Garfunkel e lo comunica allegramente a tutta la famiglia riunita per festeggiarla. (qui il testo della canzone)

 
 Quasi una controfigura di Fil è Jeremy, che viene travolto dai piani dell’amico che, comunque, lo conducono verso il successo fermamente voluto e cercato. Forse l’avrebbe raggiunto lo stesso e in modo meno problematico, ma la vita si sa è sorprendente. È lui che racconta tutto a Giuliana, per la quale prova un immediata attrazione.

StanfordUSA

Durante il colloquio rivelatore con Jeremy a Stanford, Giuliana si sofferma a considerare le sue scelte, e la sua riflessione potrebbe essere la nostra:

“Le sue scelte… Ma quali erano state, poi, davvero le sue scelte? Ce l’aveva, lei, la vita che voleva? E che cos’è la vita che si vuole? Tutti dovrebbero sapere che vita vogliono, e quindi farla, o provarci. A patto che siano in grado di poter scegliere, o ovvio. E allora perché invece c’è tanta gente cha fa una vita non sua? Perché tutti,  quasi tutti, hanno una vita che non è quella che vorrebbero?” (p.144).

giovani

Oggi, in questa bella giornata di Luglio, luminosa e calda, sono contenta di aver letto questo libro. Mai avrei pensato che potesse toccarmi così tanto! Nella storia di Fil, di Jeremy e delle loro famiglie ritrovo parte di me. Forse è una caratteristica generazionale, che investe quelli, o meglio, quelle che Mastrocola individua come “club delle madri di figli all’estero”.

Il tema centrale del romanzo è quello delle “scelte” esistenziali. Chi sceglie cosa? E perché? Chi ha il coraggio di escludere, scegliendo, altre possibilità destinate a rimanere ignote? Da madre di figlie all’estero, mi auguro solo che abbiano fatto e continuino a fare le “loro” scelte di vita, quelle che appartengono al loro mondo intimo e profondo, con convinzione, al di là delle aspettative di mamma e papà e dei condizionamenti sociali.

Come capisco la riflessione di Nisina, madre di Fil, successiva a ripetuti tentativi di contattare il figlio, inutilmente! Esprime perfettamente un nostro bisogno di genitori. Solo nostro.

“È che a una madre non sembra lontano un figlio lontano, quando sa con precisione dove si trova, cosa fa, quali luoghi e quali persone frequenta. Fino a che ha almeno un barlume della sua vita concreta. Lontana, ma concreta. Più sa con precisione meno patisce. Lo colloca. È in grado di collocarlo in uno spazio definito, un ambiente, un tempo.[…] Quella sera, Nisina avvertì di colpo la lontananza di Fil perché di colpo non lo collocava più”.

Un ennesimo romanzo per genitori che non si rassegnano al distacco e al cambiamento dei ruoli familiari. Che pensano di conoscere benissimo i bisogni dei propri figli e si danno un gran daffare per esaudirli. Ma quanto si sbagliano!

Un invito ai giovani ad essere più coraggiosi e ad impegnarsi perché i loro sogni e le loro scelte si realizzino senza mamma e papà alle spalle e, soprattutto, senza farsi condizionare dalle ipocrisie di alcune convenzioni sociali. Certo il punto di partenza di Fil è “leggermente” diverso da quello di Jeremy, proveniente da una famiglia economicamente meno attrezzata della sua, ma questa è un’altra storia.

Non so niente di te è un bel romanzo per riflettere, discutere ed emozionarsi. Raccontato da diversi punti di vista e per questo ricco e sfaccettato, a geometria variabile.

Una colonna sonora, amatissima,  come sottofondo di lettura

Procul Harum  A Whiter Shade of Pale, live in Danimarca 2006

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: