Luca Mercalli-lettera dalla madre terra.JPG

Questa mattina, mi ha commosso  la lettera di Luca Mercalli su La Stampa, tratta dal suo libro Non c’è più tempo. Come reagire agli allarmi ambientali.

È una lettera tenera, piena d’amore, proprio come quella che una mamma scriverebbe ai suoi figlioli per aiutarli a capire le loro scelte e a prendere le decisioni giuste per una vita migliore.

Come una mamma usa un linguaggio semplice e chiaro, per farsi capire meglio, senza toni paternalistici, ma con dolcezza. E si sofferma sulle bellezze di questa nostra Casa, sul nuovo che l’ha abbellita grazie all’intelligenza dell’ Homo Sapiens.

Allo stesso modo  però mette in guardia dalle brutture che lo stesso  Homo Sapiens è  riuscito ad inventare  e che hanno deteriorato  tutto il sapiente lavoro  di autoconservazione del Pianeta/Casa.

E arriva il richiamo finale a Darwin e all’ineluttabile destino che attende l’Homo Sapiens, se non cambia rotta:

“O saprete sbarazzarvi dell’arroganza e dell’indifferenza verso di me, e con un  grande scatto culturale farete della vostra civiltà un membro sostenibile del mio ambiente, oppure – l’ha scoperto uno di voi che si chiamava Darwin- l’evoluzione vi eliminerà perché non adatti, e io guarirò presto delle vostre ferite. Però mi dispiacerebbe che dopo così  tanta fatica per avervi fatto emergere falliste così miseramente. Vostra madre Terra.”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.