• Mondo Fuori

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

  • I viaggi della speranza e della disperazione.

    Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • Io sto con Emercency

    Guerre, Epidemie, Vite umane falcidiate... Per nostra fortuna c'è Emercency.

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • 8 Marzo 2020-Donne insieme con determinazione e speranza

    a mia madre-click&read
  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • 25 Aprile 2020- Festa della Liberazione dal nazifascismo

  • 1° Maggio 2020-Coraggio!

    R.Guttuso-Portella delle Ginestre

  • 23 Maggio-19 Luglio -Luci che non si spengono…

  • 10 Maggio 2020-Festa della Mamma

    dalla vita di una grande mamma...

  • 2 Giugno 2020-Festa della Repubblica Italiana

    Ossimori festosi: ferita, disorientata, fragile, eppure resiliente, meravigliosa e forte. La nostra Repubblica.

  • Amo l’Europa

  • 3 Ottobre 2013-3 Ottobre 2020 Ricordare, accogliere, progettare il futuro

    more

    Il 3 ottobre è diventato giornata della memoria e dell'accoglienza, una data in cui si ricordano le vittime del naufragio di Lampedusa e tutti i migranti che hanno perso la vita nel tentativo di arrivare in Italia, la porta dell'Europa.

  • 5 Ottobre 2020-Giornata UNESCO dedicata agli Isegnanti

  • 20 Novembre2020- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • 25 Novembre 2020-Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com
  • Disclaimer

    I contenuti del blog sono un’esclusiva di Affascinailtuocuore.  È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma, senza  autorizzazione dell’autrice.

    Contenuti di altri autori sono debitamente individuati con tutti i riferimenti necessari.

F. Guccini, L. Macchiavelli- Malastagione. Il cinghiale dal piede in bocca apre le danze…

Malastagione 1Finisco di leggere Malastagione di Francesco Guccini e Loriano Macchiavelli, in “una tranquilla domenica di metà settembre”( cap. XXXVII).

L’esperimento di scrittura a quattro mani è riuscito. Anche se mi chiedo come si faccia a scrivere una storia gialla a più mani: chi scrive cosa? Uno butta sul piatto l’idea e l’altro la traduce in discorso? Uno fa poesia sull’ambientazione ripercorrendo i suoi monti, gli animali, le atmosfere da Purgatorio e Paradiso, mentre l’altro la traduce in discorso narrativo? Recuperano Insieme i personaggi tipici del posto e quelli che hanno già nel loro bagaglio letterario (l’ispettore Sarti di Macchiavelli)? Forse a tutte queste domande risponderei “sì, è proprio così”. Comunque, basta leggere le interviste degli autori per capire meglio la “procedura”. Fatto sta che il risultato è molto gradevole. Ed è compagno piacevole in queste ore, a volte malinconiche, di fine estate in pianura.

poianaE sì, piedi mozzati in luoghi molto strani, due cadaveri, botte in testa e sparizioni richiedono un’indagine accurata. L’ispettore della forestale Marco Gherardini, detto Poiana (come suo padre e suo nonno) si trova coinvolto in una storiaccia di quelle “complicate e difficili da raccontare”, in cui ti imbatti in ragazze un po’ fuori di testa, immobiliaristi senza scrupoli, carabinieri antipatici, personaggi della montagna rudi ma generosi, un pizzico di bravi lavoratori extracomunitari, persino laureati. Marocchini, tunisini, tanto sempre Marocco sono!

PavanaUna storia in cui incontri la maliarda di turno che scatena la gelosia e la vendetta del rozzo costruttore, i prestanome, le due vedove scontrose, i vivai di gamberetti elettrificati, l’incendio doloso. Insomma di carne al fuoco ce n’è anche troppa. Ma l’abilità degli autori alleggerisce il tutto rendendo il piatto gustoso, come il cibo di montagna, ingrediente irrinunciabile: vino buono, cibo sano e ricottine di capra che già mi sembra di assaporarle.

Tutto questo ben di Dio lo trovi in un paese dell’appennino Tosco-Emiliano che ti fa venir voglia di andarci a respirare un po’ di aria buona, sperando però che non ci viva il Gherardini e, soprattutto sperando di non incontrare il cinghialone dal piede in bocca!

Epifanie vegetali

Orwell aspidistraQualche flashback personale: leggo dell’aspidistra e non posso non tornare al meraviglioso corso monografico su George Orwell del mio primo anno di Università e al musicale titolo Keep the aspidistra flying, che parla di una pianta (che mi piace molto)  simbolo di una middle-class ottusa e con lo sguardo rivolto all’indietro.

tnfrass6E poi arriva il flash sull’ Ornello, tipo di frassino dal quale deriverebbe il mio nome. Quando mia madre disse basta e lo scelse per protesta contro tutte le litanie di nonni morti da “rallevare”. Quando  la mia dolce nonnina reagì gridando velenosa:

“ Ornella? puah, dai alla bambina il nome di un albero che cresce dalle mie parti…”

Pensa come cambiano i tempi! Nel libro abbiamo un’elfa dei boschi che chiama sua figlia Fiorellino. (Ultimo  flash inevitabile: Buonanotte, Buonanotte, Fiorellino…di Chicco De Gregori)

Apparenza e sostanza

Villino-Cimarosa-Avezzano-1024x691

Villino-Cimarosa o Casa delle Streghe-Avezzano

L’immagine dal libro che mi affascina più di tutte è l’intrigante Ca’ Storta. Vuoi vedere che tutto quello che sembra dritto è storto e quello che è palesemente storto è invece dritto e giusto?

Semplice: leggi il libro e lo scoprirai!

E con questo, insieme al Marco forestale acuto, diciamo arrivederci all’estate:

 

“Gherardini guardò il cielo, scuro per alcune nubi che la luna faceva quasi viola e disse: “L’estate se n’è andata”…

E a me  resta la sensazione piacevole di averla chiusa tra le pagine “rinfrescanti” di Guccini e Macchiavelli.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: