• Mondo Fuori

  • 25 Aprile 2021- Festa della Liberazione dal nazifascismo

  • I viaggi della speranza e della disperazione.

    Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • Io sto con Emercency

    Guerre, Epidemie, Vite umane falcidiate... Per nostra fortuna c'è Emercency.

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • Amo l’Europa

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • 8 Marzo 2021-Donne e uomini insieme con determinazione e speranza

  • 1° Maggio 2020-Coraggio!

    R.Guttuso-Portella delle Ginestre

  • 10 Maggio 2020-Festa della Mamma

    dalla vita di una grande mamma...

  • 5 Ottobre 2020-Giornata UNESCO dedicata agli Isegnanti

  • 23 Maggio-19 Luglio -Luci che non si spengono…

  • 2 Giugno 2020-Festa della Repubblica Italiana

    Ossimori festosi: ferita, disorientata, fragile, eppure resiliente, meravigliosa e forte. La nostra Repubblica.

  • 3 Ottobre 2013-3 Ottobre 2020 Ricordare, accogliere, progettare il futuro

    more

    Il 3 ottobre è diventato giornata della memoria e dell'accoglienza, una data in cui si ricordano le vittime del naufragio di Lampedusa e tutti i migranti che hanno perso la vita nel tentativo di arrivare in Italia, la porta dell'Europa.

  • 20 Novembre2020- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • 25 Novembre 2020-Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

  • Disclaimer

    I contenuti del blog sono un’esclusiva di Affascinailtuocuore.  È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma, senza  autorizzazione dell’autrice.

    Contenuti di altri autori sono debitamente individuati con tutti i riferimenti necessari.

G. Rosi-Sacro GRA. Vanno in scena Roma e le sue luci. E il GRA diventa sempre più “sacro” nei Murales di santi e migranti

sottopasso-via-migliarini-murales

” Roma-Dieci autori hanno trasformato il Grande raccordo anulare in una galleria di affreschi lunga 70 chilometri. L’iniziativa dell’ANAS col sì del ministero “la Repubblica-Domenica 5 Marzo 2017

 

 


Marco Polo: “tutto l’immaginabile può essere sognato ma anche il sogno più inatteso è un rebus che nasconde un desiderio, oppure il suo rovescio, una paura. Le città come i sogni sono costruite di desideri e di paure, anche se il filo del loro discorso è segreto, le loro regole assurde, le prospettive ingannevoli, e ogni cosa ne nasconde un’altra” (I.Calvino, Le città invisibili, 1972).

Rosi e Leone di Venezia 2013Con Sacro GRA di Gianfranco Rosi, vincitore del Leone d’Oro al Festival di Venezia 2013, completo la mia personale estate in viaggio con  le pecore! Che meraviglia le immagini di questo gregge urbano in movimento sotto la luce  magica del cielo romano!

Che bel road movie. Rosi ci porta tutti in viaggio all’interno di un’umanità dolente che riesce tuttavia a conservare ancora un briciolo di ironia. Abbiamo di fatto guardato un documentario per un’ora e mezza circa, con interesse e sorridendo a tratti, nonostante l’amarezza di molte delle situazioni, al limite del grottesco.

sacro GRAPosterHo ancora nella testa, negli occhi e nelle orecchie le “orge” del punteruolo rosso e famiglia, il loro slurp goloso e lo sguardo preoccupato, ma pronto “alla pugna” dell’uomo delle palme.

Sento la voce sconsolata del pescatore di anguille dalle mani mobili, che non sa capacitarsi degli errori grossolani dei giornalisti che scrivono  sulle anguille e non si spiega come mai non chiedano aiuto e informazioni a quelli che stanno in basso, che “vivono” con le anguille e per questo  ne sanno certamente di più …

Colpisce la scena delle due ballerine  che si dimenano sul bancone di uno squallido bar  e che ci intrattengono con una dotta analisi su come  il ”rossetto rosso” le faccia sembrare delle mignotte, sacro gra1ma il costume da ballo sembra proprio come un rossetto rosso “sparato” sui viscidi e bramosi spettatori.

Sorprende Il “bedebreke”  dell’untuoso cavaliere-impresario romano. Mamma mia!

Tornano i fotoromanzi che  la prosperosa Ucraina, che pensa con nostalgia alla sua bella terra,  usa per “imparare” l’Italiano.

Assolutamente convincenti il filosofo e la figlia universitaria che non stacca mai gli occhi dal suo computerino e ascolta con indulgenza e tenerezza il suo originale papà. E che dire dell’uomo dell’ambulanza? Delle disincantate prostitute “pudiche”? Meraviglioso! Ci sarebbe ancora tanto di cui parlare! Che bello, tutto.

sacro-gra-_Il cielo sopra il GRAMentre guardavo il documentario pensavo tra me e me: “cosa mi resterà di questo film?” E ho deciso che il cielo di Roma rimane indelebile nella mente e nel cuore. Lo conosco bene e  l’ ho riconosciuto, nel film. 

Alla fine della storia, quasi a voler tirare le fila di questo affascinate viaggio romano, arriva Il Cielo di Lucio Dalla… E lì ho capito che chi  incontra Roma, le sue luci, le sue ombre, vere e metaforiche, se ne va dalla città portandosi dietro proprio il cielo, fosse anche quello  cupo e minaccioso del Sacro GRA.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: