Caro Vladimiro,

questa è una risposta alla tua recensione del  romanzo di  Ken Follett, La caduta dei giganti. Questo genere di storie non mi esalta. It’s not my cup of tea, ma capisco perchè catturino così tanti lettori, in tutto il mondo.

Il romanzo è ricco di storie parallele di uomini e donne appartenenti a classi sociali diverse, di solito ricchi aristocratici vs proletari o poveri e diseredati, nel mondo imperiale euro-asiatico del primo novecento.

Principi e principesse, giornaliste suffragettes piccolo-alto borghesi, come la cameriera gallese che, fuggita a Londra perchè incinta di un nobile odioso, diventa il simbolo della riscossa femminile fino a diventare parlamentare laburista per la constituency di Aldgate, come   suo fratello Billy, l’eroe minatore eletto ad Aberoween in Galles!!!  come l’orba Rosa, superaffascinante e intelligente o  la fiera Lady Maud che per amore del suo  ricco e affascinante  tedesco  affronta la povertà con coraggio e senso dell’humour e si “ricicla” come pianista di jazz in un night-club di Berlino. 

 

Follett-La caduta dei giganti

Quanti temi si incontrano in questa lunga storia! Guerre, intrighi, inflazione galoppante, dollari come oro, marchi a palate per comprare una pagnotta di pane (vero!).  Poi la Russia di Lenin, piccolo  uomo maneggione e sgradevole, del nobile principe Andrej che fronteggia la rivoluzione e la morte con orgoglio  tutto “aristocratico”. Politici meschini, alcuni illuminati in cattiva salute, ma disposti  a morire per l’ideale etc etc…

Tutto intrecciato in un  pastone quasi “soap” fatto di amori, tradimenti, alcol, perversioni, figli che nascono da tante madri diverse e da pochi padri protagonisti, figli che nascono  perché  utili allo scrittore per passare al secondo  e poi al terzo volume della trilogia e continuare le storie parallele già avviate nel primo.

Ricostruzioni storiche, sul filo del verosimile, di figure di spicco,  ambienti, eventi e decisioni che un buon testo di storia ufficiale forse riesce a rendere in modo più  efficace, specialmente se si avvale di testimonianze o di  analisi  più approfondite. A tratti mi sono annnoiata nelle trincee  francesi, tra  descrizioni superficiali di attacchi  notturni senza spessore.

C’è un aspetto però che mi piace: ripercorrere le strade delle valli  gallesi dell’area di Cardiff, dove sono stata più di una volta e dove ho respirato  la stessa atmosfera che Follett racconta. E poi qualche tocco di Londra che rispolvero sempre con immenso piacere. Sapienza narrativa e organizzativa, chapeau Mr Follett!

E tuttavia, non credo che leggerò ancora libri del genere, ma intanto sono contenta di averlo fatto. Mi sono fatta un’idea. Grazie Vladimiro!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.