folgorato da Miriam la terza moglie

Barney, ma quale versione è questa?

Tutto  così “cinemabusiness”, compattato e stravolto, in questo film di Lewis. Tutte le  letture di Barney,  le confusioni tra uno scrittore e l’altro (quanti altri segni  della malattia incalzante che hanno accompagnato il lettore verso il climax della fatale dimenticanza del numero di telefono di Miriam “his heart’s desire”, diventata nel film una scena di rabbia banale e fuori contesto), tutti i riferimenti anche ironici alla grande letteratura Americana e Inglese, liquidati con la fuggevole frase di Boogie che gli ricorda stralunato di  essere stato lui ad aprirgli le porte dei grandi libri! E i grandi pittori e gli intellettuali amati e odiati, il Canada, i giochi linguistici, e le gelosie e i conflitti con Mc Iver? E il dramma esistenziale-artistico di Clara… E’ lungo l’elenco delle cose che mancano in questo film…

E’ solo un collage di siparietti da una  storia di vita, molto più complessa. Sembra quasi  una conversazione tra due amici che si incontrano alla stazione, dopo  dieci anni e hanno solo dieci minuti prima che il treno parta (e uno dei due deve prenderlo assolutamente). Devono raccontarsi tutto in poco tempo e fatalmente tutto diventa  superficiale e banale. Dopo rimane l’amaro in bocca per la consapevolezza che le cose da dire erano ben altre. Succede lo stesso  in questo film…Bravo Giamatti, ma anche lui vittima di questa esigenza di compressione, di zippaggio….

Colpisce la mancanza di  trama e di tensione nel narrare l’ evoluzione della malattia. Insomma tanti bozzetti “montati” ad usum  di una” totally uninterested production”, disinteresse per la vera qualità della storia. Incapacità di focalizzare. Il prodotto è tuttavia commerciabile e può  commuovere, i temi si prestano. Ma, sicuramente, delude i lettori di  Mordecai. All’uscita dal cinema ho pensato che mi piacerebbe sentire le reazioni di tutti quei lettori che, forse sull’onda delle emozioni provate nel vedere il film,  hanno deciso di leggere il libro. Anche a me è successo in qualche caso. Sono curiosa.

Lietta Tornabuoni nella sua recensione del film, dopo la proiezione al Festival di Venezia 2010, scrive che la  trasposizione è “convenzionale” e “goffa”(si pensi alla descrizione della Roma bohemiènne…). Evidenzia inoltre  l’assoluta mancanza del vero e caustico umorismo ebraico… 

Il libro è ovviamente una dimensione  totalmente differente, lo abbiamo sempre saputo eppure, come lei conclude

“… ritrovare le figure d’un romanzo amato è sempre una tentazione, anche quando il film può essere deludente”(La Stampa”14/01/11)

3 pensieri riguardo “Il Film-Barney, ma quale VERSIONE è questa?

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.