• Mondo Fuori

  • I viaggi della speranza e della disperazione.

    Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • Io sto con Emercency

    Guerre, Epidemie, Vite umane falcidiate... Per nostra fortuna c'è Emercency.

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • Amo l’Europa

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • 8 Marzo 2021-Donne e uomini insieme con determinazione e speranza

  • 25 Aprile 2020- Festa della Liberazione dal nazifascismo

  • 1° Maggio 2020-Coraggio!

    R.Guttuso-Portella delle Ginestre

  • 10 Maggio 2020-Festa della Mamma

    dalla vita di una grande mamma...

  • 5 Ottobre 2020-Giornata UNESCO dedicata agli Isegnanti

  • 23 Maggio-19 Luglio -Luci che non si spengono…

  • 2 Giugno 2020-Festa della Repubblica Italiana

    Ossimori festosi: ferita, disorientata, fragile, eppure resiliente, meravigliosa e forte. La nostra Repubblica.

  • 3 Ottobre 2013-3 Ottobre 2020 Ricordare, accogliere, progettare il futuro

    more

    Il 3 ottobre è diventato giornata della memoria e dell'accoglienza, una data in cui si ricordano le vittime del naufragio di Lampedusa e tutti i migranti che hanno perso la vita nel tentativo di arrivare in Italia, la porta dell'Europa.

  • 20 Novembre2020- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • 25 Novembre 2020-Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

  • Disclaimer

    I contenuti del blog sono un’esclusiva di Affascinailtuocuore.  È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma, senza  autorizzazione dell’autrice.

    Contenuti di altri autori sono debitamente individuati con tutti i riferimenti necessari.

5 Ottobre 2016-Giornata Mondiale degli Insegnanti.Tutto cambia poco cambia…

 5 Ottobre 2017: Tutto cambia poco cambia. In meglio o in peggio?

 


5 October 2015: Empowering Teachers, Building Sustainable Societies

poster 5oct

La Giornata Mondiale degli Insegnanti, istituita dall’UNESCO, è dedicata quest’anno al tema della “parità di genere” allo scopo di celebrare una professione che ha una grandissima dimensione femminile.

Come emerge dai dati pubblicati dall’Istituto UNESCO per la Statistica a livello mondiale le donne rappresentano il 62% degli insegnanti della scuola primaria; ma mentre molti paesi, soprattutto nell’Europea orientale,  registrano picchi di oltre 98% di insegnanti donna, ci sono invece intere regioni, come l’Africa Sub-Sahariana, dove la componente femminile è molto scarsa e dove le condizioni di lavoro sono in via di peggioramento.

Il rapporto dell’UNESCO mette inoltre in evidenza alcune preoccupanti carenze su scala globale: mancano all’appello almeno due milioni di  insegnanti per raggiungere l’obiettivo internazionale di garantire a tutti l’accesso all’istruzione primaria entro l’anno 2015, definito dagli accordi “Education for All” e dai Millennium Development Goals. L’insufficienza di insegnanti non riguarda peraltro solo i Paesi in via di sviluppo. Nonostante l’Africa Sub-Sahariana sia la regione più carente, anche gli Stati Uniti, la Spagna, l’Irlanda, la Svezia, ed anche l’Italia, rientrano nella lista dei 112 Stati che sono colpiti da questo problema..

Per saperne di più


cambiare verso…

Finalmente si cambia verso? Solo a  parole per il momento, ma restiamo  fiduciosamente in attesa che i fatti si realizzino al più presto. Non c’è più tempo. Il futuro è già presente.

Investire nei docenti e dunque  nella loro  professionalizzazione e nella riqualificazione del loro ruolo sociale, può essere la chiave per affrontare le questioni della scuola in modo  corretto e proficuo. L’invito dell’UNESCO a celebrare la Giornata Internazionale dell’ insegnante  spinge verso questa direzione. Speriamo venga accolto.

The Day commemorates the adoption of the UNESCO/ILO Recommendationsinvest in Teachers_UNESCO concerning the Status of Teachers.

UNESCO encourages local activities which can be promoted on this site .The forum will bring together teachers, researchers, experts (including UNESCO Chairs and university professors), students (teacher training institution, Education Sciences), representatives from teacher training institutes, education and teacher organizations, specialized media.

Lo sguardo di Elias Canetti sulla “diversità degli Insegnanti”

 Comincia ora una parentesi intrigante, più utile di un titolato corso di preparazione alla professione docente. La diversità degli insegnanti: fantastici ritratti di tutti i professori di Elias, di tutti quegli aspetti che ne hanno resi alcuni indimenticabili, altri dimenticati; alcuni amati profondamente, altri rispettati e presi a modello di vita e serietà; altri ancora odiati o ignorati, quelli di cui si dimentica tutto, dal nome alla fisionomia. Leggete questo passaggio da La lingua salvata. Storia di una giovinezza(p.204) lo trovo commovente nella sua semplicità e intellettualmente alto.

“La diversità degli insegnanti era sorprendente, è la prima forma di molteplicità di cui si prende coscienza nella vita.

Il fatto che essi ci stiano davanti così a lungo, esposti in tutte le loro reazioni, osservati ininterrottamente per ore e ore, oggetto dell’unico vero interesse della classe, impossibilitati a muoversi e dunque presenti in essa sempre per lo stesso tempo, esattamente delimitato;

la loro superiorità di cui non si vuole prendere atto una volta per tutte e che rende acuto, critico e maligno lo sguardo di chi li osserva;

la necessità di accostarsi a loro senza rendersi le cose troppo difficili, dato che non ci si è ancora votati al lavoro in maniera esclusiva;

e poi il segreto in cui rimane avvolto il resto della loro vita, in tutto il tempo durante il quale non stanno recitando la loro parte davanti a noi; e ancora il loro susseguirsi uno dopo l’altro, nello stesso luogo, nello stesso ruolo, con le stesse intenzioni, esposti con tanta evidenza al confronto-come tutto questo agisce e si manifesta, è un’altra specie di scuola, del tutto diversa da quella dell’apprendimento, una scuola che insegna la molteplicità della natura umana, e purchè la si prenda sul serio anche solo in parte, è questa la prima vera scuola di conoscenza dell’uomo.”continua a leggere la recensione

 Lo sguardo dei Giapponesi sugli insegnanti

lo-sapevate-che_onore-agli-insegnanti

Un anno fa…5 Ottobre 2013

image_thumb.png“La Giornata Mondiale degli Insegnanti, istituita dall’UNESCO è dedicata quest’anno al tema della “parità di genere” allo scopo di celebrare una professione che ha una grandissima dimensione femminile…”

ascuolaSenza dilungarmi troppo su quanto siano  importanti  ed essenziali l’educazione e la  professione docente per lo sviluppo di una  società autenticamente “civile”,  voglio inviare un augurio sentito a tutti gli insegnanti con l’ emozionante discorso di Malala Yousafzai alle Nazioni Unite  sul valore dell’educazione in senso assoluto e, in particolare, su quella delle bambine e delle donne.

Malala Day-get well soon Malala, we need you!

Il 10 Novembre è dedicato a Malala Yousufzai, la bambina che “voleva solo andare a scuola”, e che per questa ragione eversiva è stata oggetto di un vero e proprio attacco ritorsivo e dimostrativo da parte dei Talebani che le hanno sparato al cervello!

“In the days following the shooting, Yousafzai became an international icon and world leaders pledged to support her campaign for girls’ education.” Aljazeera

Oggi, il governo Pakistano ha solennemente promesso che   le famiglie di più di 3 milioni di bambini poveri  del paese  riceveranno uno stipendio  se manderanno i loro figli a scuola.

Quanto fa paura l’educazione e specialmente quella delle giovani donne? Quanto a sproposito viene manipolata, strumentalizzata, banalizzata la scuola a fini  politici?

Inevitabilmente, anche se non opportunamente,  penso  allo stupido ricatto del  presidente dell’UPI (Unione Province Italiane) di spegnere il riscaldamento  nelle scuole, se costretto a fare dei “tagli”. Mi chiedo se sia mai entrato in una delle nostre scuole, d’inverno, cubi d’ amianto o vecchissimi palazzi,  dove ogni minima goccia di calore si disperde  e se abbia mai  lavorato per 5 o 6 ore con un gruppo di studenti imbacuccati  e dallo sguardo  perso, costretti a star lì, seduti,  fino al suono  dell’ultima campanella. Ma forse ne è ben consapevole, purtroppo.

Succede in questo civile paese dove i ritardi degli uffici provinciali nella manutenzione degli edifici scolastici sono proverbiali. Ricatta perchè conosce bene la procedura e sa quanto disagio provochi nelle scuole. Mala fede, senza ritegno.

Malala, guarisci presto, abbiamo tutti un gran bisogno di te!

Anche per ricordarci  che, al di là delle solite frasi fatte di questa massa informe di incompetenti  e di provvedimenti estemporanei presi sull’onda di  scuole crollate, studenti morti e macerie tristissime, l’Educazione è la chiave di volta dello sviluppo e della crescita umana, sociale e dunque economica di ogni paese civile.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: