• Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Mondo Fuori

  • 25 Novembre 2020-Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • 5 Ottobre 2020-Giornata UNESCO dedicata agli Isegnanti

  • 3 Ottobre 2013-3 Ottobre 2020 Ricordare, accogliere, progettare il futuro

    more

    Il 3 ottobre è diventato giornata della memoria e dell'accoglienza, una data in cui si ricordano le vittime del naufragio di Lampedusa e tutti i migranti che hanno perso la vita nel tentativo di arrivare in Italia, la porta dell'Europa.

  • Giornata mondiale del migrante e del rifugiato 2020- Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra. Ancora morti, tanti. Troppi!

    Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • 23 Maggio-19 Luglio -Luci che non si spengono…

  • 10 Maggio 2020-Festa della Mamma

    dalla vita di una grande mamma...

  • 2 Giugno 2020-Festa della Repubblica Italiana

    Ossimori festosi: ferita, disorientata, fragile, eppure resiliente, meravigliosa e forte. La nostra Repubblica.

  • Amo l’Europa

  • 1° Maggio 2020-Coraggio!

    R.Guttuso-Portella delle Ginestre

  • 25 Aprile 2020- Festa della Liberazione dal nazifascismo

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • Io sto con Emercency

    Guerre, Epidemie, Vite umane falcidiate... Per nostra fortuna c'è Emercency.

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 8 Marzo 2020-Donne insieme con determinazione e speranza

    a mia madre-click&read
  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • BREXIT- L’ora è scoccata

    Sentimenti contrastanti accompagnano questo momento. Il mio cuore è lì, Oltremanica. E sento come uno strappo, un'ulteriore barriera tra me e i miei affetti. Ho bisogno di tempo e di freddezza per rielaborare il significato di questo evento .

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • 20 Novembre2020- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com
  • Disclaimer

    I contenuti del blog sono un’esclusiva di Affascinailtuocuore.  È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma, senza  autorizzazione dell’autrice.

    Contenuti di altri autori sono debitamente individuati con tutti i riferimenti necessari.

Sara di Pietrantonio, ancora un femminicidio.Un’altra farfalla che non volerà più!

scamardistudio-mariposa sagrada

scamardistudio-Farfalle Sacre

Un’altra farfalla uccisa. Sara, 22 anni romana, studentessa universitaria, bella e pronta ad aggredire la vita.

Il suo ex  non accetta che lei  lo lasci. Probabilmente le chiede un ultimo incontro fatale e…le da fuoco! Si, sembra proprio che sia stato lui. Lo hanno fermato, un giovane Italiano, forse per bene, forse di buona famiglia, ma tanto tanto criminale.

Ultime notizie: Ê stato proprio lui. Ha confessato. E non le aveva chiesto un ultimo incontro, ma ha premeditato l’agguato vigiacco.

Noi donne spesso sottovalutiamo le fragilità e i lati oscuri degli uomini che ci sono accanto. E invece dobbiamo farci i conti, essere prudenti e non  accettare mai  dagli ex la proposta di un ultimo incontro  di chiarimento.

Quando una storia finisce non c’è nulla da chiarire, soprattutto se abbiamo avuto segnali di instabilità, fragilità, violenza psicologica, incapacità di gestire le proprie emozioni. Soprattutto quando è evidente la volontà malata di schiacciare l’altra.

Ultimo incontro da soli? NO grazie.

Ê anche vero che, se la volontà malvagia pervade il cuore e offusca la mente, non c’è  compagnia o prudenza che tenga, ma intanto  facciamo la nostra parte.

E non raccontiamoci  masochisticamente che siamo noi  sbagliate, che forse non abbiamo capito, che forse dovevamo fare per lui (o non fare) questo  o quest’altro. NO, non è  così!

 Maggio 2016- Sabato sera. Roma Magliana, Sara 22 anni, un’altra  farfalla sacra a cui vengono letteralmente bruciate le ali, il cuore, il corpo.

Un’altra farfalla  che  non potrà più volare.

Scamardistudio-Fotografia e sensibilità sociale DALLA PARTE DELLE DONNE, contro la violenza

                   

Più di 100 donne uccise dai loro ex-compagni, ex-mariti, falsi amici, in questo lugubre 2012. Carmela, 17 anni,  è l’ultima vittima innocente  della furia cieca di un giovane disperato e ottuso.

Il mondo delle donne sa crescere, sa combattere avversità e malattie, sa cercare e trovare i suoi spazi di realizzazione, tra mille ostacoli. Non  si scoraggiano mai, le donne,  ma  continuano con determinazione  la loro ricerca.

E gli uomini? NO.  Nella gestione dei rapporti amorosi, in corso o finiti, mostrano spesso  le loro fragilità e le  loro paure,  contaminate  dalla mancanza di coraggio  e dalla violenza. Si illudono così  di riaffermare la loro supremazia e, invece, stroncano vite umane e progetti di futuro.

Ma il mondo femminile vuole  continuare a cogliere segnali di speranza e la mostra sivigliana che vi  segnalo è un bell’esempio di attenzione verso  questa realtà.

Che cos’è il Femminicidio

Ieri ho visto in TV il film We Want Sex  , di Nigel Coles (2010). Bello di una bellezza semplice, che solo la verità fa trasparire. La storia delle operaie Ford di Davenham, “deprived” area nella Greater London degli anni ’60, che con naturalezza e spavalderia, iniziano una impari lotta di rivendicazione del loro essere “specializzate” e fondamentali per la catena produttiva. Proseguono  guidate da Rita O’Grady,( personaggio fittizio,  leader di un gruppo che storicamente pare non aver avuto una guida altrettanto unitaria) mamma operaia nel pieno della bufera esistenziale di concilazione dei vari ruoli che ricopre.

Con lei  emerge sempre più forte l’esigenza profonda di essere “viste” e considerate operaie alla stregua degli uomini. E si crea un sorta di complicità di genere tra l’operaia Rita e la laureata di Cambridge, Lisa, moglie di un alto dirigente  Ford che la tratta peggio di una macchinetta a gettone.

Si scambiano “dritte”, a cominciare  dallla strategia comune per far licenzare il maestro violento dei loro figli, per proseguire con il forte incoraggiamento  di Lisa a continuare la lotta nonostante le avversità. Tocco femminile e “furbo cinematograficamente”  il prestito dell’elegante abito rosso firmato  che Rita vuole indossare per presentarsi all’audizione con il ministro, la rossa Barbara Castle! Rosso, colore super simbolico, anche qui.

Il rosso mi fa subito visualizzare il “concertone del Primo Maggio” e l’energia “sprizzante” dalle chitarre delle band, dalle voci pulite dei giovani artisti, dalle migliaia di braccia e corpi che riempiono  Piazza San Giovanni. Testimonianza delle tante forme di energia che circolano in una società viva, tra le donne e gli uomini che la abitano. Che perdita non coltivarle e lasciarle nelle mani di persone violente, ignoranti, incapaci di cogliere la bellezza delle diversità e delle complementarietà.

Eventi, persone, storie come  anelli nella catena delle nostre vite, interconnessi. E la catena non è catena di schiavitù, ma di legami forti e positivi che attendono collocazione. Altre sono le schiavitù, fisiche e spirituali.

Tutto questo preambolo,  apparentemente  estraneo al tema del post, per arrivare all’ articolo che ho scoperto oggi, navigando tra i blog della rete di Affascinailtuocuore, insieme alla parola di cui vi si parla: FEMMINICIDIO.

Devo dire che L’Infedele di Lunedì scorso, 30 Aprile (bello il monologo di Lella Costa; Superlativi Fresu e Di Bonaventura nella giornata Unesco/Jazz) mi aveva messo di fronte a questa parola/concetto suscitando in me un iniziale senso di disagio. Ora capisco meglio.

Perchè si chiama Femminicidio
di Barbara Spinelli

“…Se oggi l’ONU (e di conseguenza l’informazione di massa) parla di femminicidio anche in relazione all’Italia, è perché ci sono state donne che qui ed oggi, da anni, hanno reclamato il riconoscimento anche per le donne, in quanto donne, di quei i diritti umani affermati a livello universale, ed in particolare del diritto inalienabile alla vita e all’integrità psicofisica.

I diritti infatti vivono solo là dove vengono reclamati in quanto tali, altrimenti restano destinati al mero riconoscimento formale, sulla carta.”

Vale la pena di leggere tutto l’articolo, contiene  informazioni utili e sorpendenti sull’origine del termine e, soprattutto sul tema, di dolorosa  attualità, della reiterata violenza sulle donne.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: