Forse il mio è un atteggiamento snob, o solo superficiale, ma dopo alcuni giorni passati all’estero, senza TV e quotidiani italiani, riesco a trovare ne La Stampa di oggi, 3 Aprile 2012,  un’unica buona impressione di lettura: la pagina  “Cultura e Spettacoli”. Tutto il resto mi sembra poco interessante, vecchio, pretestuoso e …noioso.

Bellissima  la cartolina di propaganda   dell’ Esperanto, “idioma di pace” e progetto diplomatico di comunicazione. Arricchisce con il suo simbolismo immaginifico l’articolo di Bruno Ventavoli,

Soros, l’esperanto smuove le montagne,

su  Tivadar Soros, “entusiasta propagandista dell’esperanto, […] utilissimo per chiacchierare di pace nell’Europa centrale dove le lingue diverse erano scusa per reciproco odio…”, nel funesto “secolo breve”.

Il «Robinson» Soros è autore, tra l’altro,  di opere interessanti( se ne discuterà a Firenze,nel Salone dei 200 a Palazzo Vecchio, Giovedì 5 Aprile) dove l’avventura dell’uomo sociale ci riporta alle avventure del  middle-class man Robinson di Daniel Defoe.

Tivadar Soros è il padre del finanziere ottantenne, George, che ora si dedica alla filantropia e alla divulgazione dell’opera paterna, dopo aver contribuito alla costruzione del disastroso tempio della finanza malata degli ultimi tempi:

“Ora, l’ottantenne Soros junior è filantropo a tempo pieno, fustigatore dell’attuale anarchia finanziaria. Ma se non ci fosse stato in famiglia l’uzzolo dell’idioma universale, forse sarebbe rimasto Gyuri, come si chiamava in ungherese, e non George, il primo temuto speculatore globale.”

Al di là della sua effettiva praticabilità, l’Esperanto  continua ad esprimere, forse oggi più che mai,  il profondo bisogno di comunicazione efficace tra i cittadini del mondo per affrontare  le sfide della diversità e della complessità e per non lasciare  ancora tutto nelle mani  di quel linguaggio ambiguo, ingiusto  e pernicioso che è il linguaggio della finanza sfrenata.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.