queensbastardscan300_thumb[1]

Historians have long whispered that Elizabeth “the Virgin Queen’s” passionate lifelong affair with Robin Dudley, Earl of Leicester, may have led to the birth of a son, Arthur Dudley. 

In this sequel to The Secret Diary of Anne Boleyn, Robin Maxwell fashions a believable fictional account of the child switched at birth by a lady-in-waiting who foresaw the dangerous political consequences of a royal bastard. 

Set against the sweeping, meticulously rendered backdrop of court life from London to Madrid, and England’s battle against the Spanish Armada, The Queen’s Bastard deftly juxtaposes Elizabeth and Leicester’s tumultuous relationship with the memoirs of the adventurous son lost to them—yet ultimately discovered.

piemme.jpg

Pubblicato in Italia da PIEMME (2008) Il Bastardo della Regina è stata una piacevolissima sorpresa. Lettura estiva, veloce e coinvolgente. Un incontro con Elizabeth  da una prospettiva nuova, o meglio, poco conosciuta: 

Amante passionale, donna superba, madre tradita, ingannata, mancata. La ragion di stato, gli intrighi, i misteri, le complicità diventano magici ingredienti  di una pietanza saporita.

Certo è un romanzo storico alla maniera di Robin Maxwell, dove molte realtà sono state sapientemente piegate all’esigenza narrativa, eppure la storia è  credibile e godibile. “Verosimile” direbbero  Manzoni e Scott. Forse anche vero? Julia Barrett ci invita a riflettere:

“…And by introducing us to the person of Arthur Dudley, [Robin Maxwell] has defied stodgy academics, who would have kept us from knowing that such a character existed. Her plausible tale has allowed us to decide for ourselves if Arthur Dudley was, in fact, Elizabeth and Leicester’s illegitimate son.”

Evviva il romanzo storico!

Marcus-Gheeraerts-il-Giovane-1592.jpg

Nell’interessante puntata di Atlantide  (La 7), Elisabetta viene presentata attraverso i suoi famosi ritratti, nei quali sono riprodotti anche  molti simboli e significati  che la sovrana vuole comunicare ai suoi sudditi e al mondo nelle varie fasi della sua vita personale e di regina di una delle più grandi potenze del periodo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.