• Mondo Fuori

  • Alla Fiera delle Parole One Book One City Padova legge il romanzo della Atwood. Diritti delle Donne. Una lotta continua…

    Il racconto dell'ancella di M.Atwood-Giochi di potere sul corpo delle donne

    Per il ritiro del DDL Pillon e la riaffermazione della libertà di scelta degli "Italiani", uomini e donne liberi. Margaret Atwood-Il Racconto dell'Ancella: " In un’America reduce da una catastrofe ecologica, che ha falciato gran parte della popolazione e messo in forse la stessa sopravvivenza della specie, un gruppo di fanatici religiosi ha fondato uno stato totalitario, Galaad, riducendo in completa schiavitù le donne. I rapporti umani, sociali, culturali sono stati aboliti: unico supremo fine è la procreazione. Attraverso il diario segreto della giovane “ancella” Difred, si delinea l’inquietante profilo di un mondo futuro ma non troppo, già presente in embrione nella società degli anni Ottanta...apri il link all'immagine per continuare

  • Giornata Mondiale del Migrante 2019- Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra. Ancora morti, tanti. Troppi!

    Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • 19 Luglio -Luci che non si spengono

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • 2 Giugno 2019-Festa della Repubblica Italiana

  • Amo l’Europa e il 26 Maggio VOTO.

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • 25 Aprile 2019- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

    “Despite everything, life is full of beauty and meaning.” ― Etti Hillesum, Lettres De Westerbork

  • 8 Marzo 2018-Donne insieme con determinazione e speranza

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • 20 Novembre2017- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com
  • Disclaimer

    I contenuti del blog sono un’esclusiva di Affascinailtuocuore.  È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma, senza  autorizzazione dell’autrice.

P. Magrs-Exchange. A book is a precious life in written form

 

exchangePaul Magrs

Exchange

Simon & Schuster Publishers

 

A precious life in written form

by Vera Ze

 

 

Exchange is a book unlike any other I have read before; it gives another perspective on reading in general, making it seem as if a book is a precious life, in written form.

The story was on my mind day and night – I was so anxious for all the characters! I was especially surprised at Simon’s granddad who disliked books?!?! In my household and all the schools I’ve ever attended, books and reading were praised.

As lovely as the book was, the ending disappointed me with it’s simplicity. I was really expecting a surprise romance. Despite that fact, I do think it is a good read.

 

…The hero, Simon, has lost both his parents, and these days (as Frank Cottrell Boyce has pointed out in these pages recently) losing your parents is more than simply a device to get the grown-ups out of the way so that the youngsters can have adventures. It’s a real tragedy, and in the case of Paul Magrs’ simply written but moving and engaging book, it’s one that Simon is dealing with through most of the narrative.

He has gone to live with his grandparents. Ada and Ray appear ordinary enough, but nothing is quite as it seems. Ada is a reader, like Simon himself, and after they stumble across the Great Big Book Exchange, it emerges that she was the person who, many years before, set a bestselling local novelist on the path to fame and fortune. When Ada tells Simon the story, she says: “I had to be content to be just a reader.” Simon answers: “There’s no just about it. That’s what we are. Proper readers.”read The Guardian review

 

The Great Big Book Exchange – a bookshop with a difference

Exchange bookshop.jpg

D. Pennac-COME UN ROMANZO. Strategie di lettura, il piacere segreto del libro.

COME UN ROMANZO COVER

Sto andando a Venezia per lavoro  e  “un vento di libro” mi spinge verso  il punto vendita Mondadori della stazione centrale di Padova. Penna, luna, cielo stellato in copertina accrescono la fascinazione… Lo compro.

Saggio? Sì; Diario? Credo di sì; Storia di lettori che crescono? Certamente sì.

Pennac  ri-evoca  le centomila domande che anche io mi ponevo regolarmente quando  “dovevo” coinvolgere i miei studenti nella lettura di  classici Inglesi e Americani… Lettura ad alta voce? lettura silenziosa per una comprensione più approfondita?

Un vecchio professore dell’Università di Venezia entrava continuamente in conflitto con  noi, docenti appassionati di analisi testuale perchè, secondo lui, quello che evoca sentimenti, piacere e voglia di continuare a leggere è la lettura ad alta voce di “frammenti” significativi di opere famose. Mamma mia quante discussioni su: task-non task! Le nostre ragioni:

 “Come  possono capire  un testo in lingua straniera se non guidi la comprensione, passo dopo passo, con tanti task ben strutturati?”

Poi  ho cominciato a capire…

A ricordare gli occhi sgranati delle mie studentesse quando leggevo loro ad alta voce, per esempio,  la storia della Evelinediciottenne Eveline, più o meno  loro coetanea, dai Dubliners di James Joyce. Il suo dramma familiare, il desiderio  di avventura represso… E mettevo l’accento  su frasi ricche di allitterazioni, di suoni onomatopeici, facendo appello al suono e al ritmo. 

O quando leggevo brani dalla storia di Tess of the D’Urbervilles di Hardy e  the Rhyme of the Ancient Mariner di Coleridge,  veicolata anche tramite il ritmo  metal degli Iron Maiden!

La sorpresa  traboccava dai loro occhi. Ma è vero, non durava molto. Si interrompeva bruscamente quando parlavo di compiti, di simulazione di terza prova, di  colloquio  e tesina, insomma di “programma”, come dice Pennac. Sono sicura, tuttavia, che qualcosa sia rimasto, dentro.

 saga TwilightLa pedagogia della lettura efficace è argomento complesso, non si  sa mai veramente quali siano i percorsi migliori. Come sono d’accordo  sul distacco  affettivo che i ragazzi  provano quando vedono che un’opera è in programma e dunque va letta… E allora  ci si ingegna a cercare vie alternative, ad attualizzare la lettura senza perdere di vista la qualità del “compito”. 

Sento ancora su di me gli sguardi scettici dei colleghi che strabuzzano  gli occhi quando sentono che  stiamo leggendo la Saga di Twilight, su suggerimento  di alcune studentesse che, al suono della parola twilight durante una lezione sul Romanticismo Inglese, sentono vibrare il corpo e l’anima, si lanciano sguardi complici e io me ne accorgo! E penso: “prese!” La inserirò in programma accanto ai grandi  dello stile gotico anglo-americano…(Shelley, Stevenson, Stoker, Poe etc). Si lavora per differenza? Anche.

piccolilettoricrescono-IsabellaPagliaLe strade dell’interesse sono infinite. I miracoli avvengono spesso “a nostra insaputa”.

Devo dire però che condivido in pieno il discorso sull’armonizzazione degli stili di apprendimento, dell’attenzione alle intelligenze multiple e altre suggestioni psico-pedagogiche.  Spesso  quello che va bene per alcuni è sbagliato per altri. E  qui   si presenta  il problema: come trovare il punto di incontro? Anche alcuni genitori, che assillo! Vorrebbero i propri figli allegramente sprofondati  tra le  pagine di un libro, ma solo quando lo dicono loro! Legge? Non legge? Perchè?  Ha problemi? E’ pigro?  

Pennac continua e conclude:

 “No, seguiva il suo ritmo, ecco tutto, che non è necessariamente quello di un altro, e che non è necessariamente il ritmo uniforme della vita. Il suo ritmo di apprendista lettore, che conosce accelerazioni e brusche regressioni, periodi di bulimia e lunghe sieste digestive. La sete di progredire e la paura di deludere…”

In Come un romanzo c’è tutto questo.

Pennac mi colpisce anche quando sconvolge la mia visione della lettura. A me piace discutere di quello che leggo. Non voglio tenermelo dentro, voglio offrire agli altri le mie emozioni. Loro, ne facciano quel che vogliono. Pennac stronca tutto ciò e invita al silenzio post-lettura. Invita al segreto:

 “il piacere del libro letto lo teniamo spesso segreto[…]Silenzio, dunque… Salvo naturalmente per i parolai del potere culturale. Ah! le chiacchiere da salotto…” 

Poi, fortunatamente aggiunge:

 “Tuttavia, pur non essendo un atto di comunicazione immediata, la lettura è, alla fine, l’oggetto di una condivisione…”

Ah… Ora mi sento meglio!

Il saggio di Pennac è RICCO e davvero molto interessante. Offre numerosi spunti  di riflessione e azione. Brillante la scelta di chiudere il saggio  con l’elenco dei Diritti Imprescrittibili. Mi ritrovo  quasi totalmente in essi. Eccoli:

Mi  avrebbe fatto piacere leggerlo  prima, mentre ero ancora “ sul campo”, mi sarebbe piaciuto che i miei amici che lo  avevano già letto, avessero “condiviso” queste preziose considerazioni. Ma forse  non era arrivato per loro il momento giusto della rielaborazione, dell’uscita dal segreto e quindi, della condivisone. O forse non lo avevano letto. E allora  ecco arrivato il momento di farlo!

M.Parodi- Prima del Chaos-Segnalazioni

format5Torna Maurizio Parodi, con  il suo  romanzo Prima del Chaos. Abbiamo già incontrato l’autore nel Blog. Vi ricordate il suo La Scuola che fa male?

 Dalla Quarta di copertina

Una misteriosa lettera, un enigma da risolvere. Dalla Resistenza, alla strategia della tensione, fino agli anni di piombo: tutto ruota attorno a un oscuro episodio di guerra partigiana cui sembra si possano ricondurre le più inquietanti trame eversive.

 Il giornalista Lucio Manghi riuscirà a dipanare l’intricata vicenda, trovando una soluzione inaspettata, aiutato dall’amica Francesca, collega rigorosa e “inarrivabile”, dal fido maresciallo Lo Presti e dal suo vecchio professore di filosofia, l’irriducibile Toschi, senza potersi sottrarre al fatale incontro con l’incantevole Camilla Sensini.

I temi scelti, i personaggi e la trama, tra Storia, fascinazioni, mistero e intrighi, offrono gli ingredienti giusti per una lettura interessante e coinvolgente. qui  scheda

Fa capolino, tra le altre cose, uno spaccato  sulla lettura, sull’intimo viaggio  del protagonista “in solitaria” tra le pagine di un libro:La lettura, quella disinteressata, gratuita era per lui una occupazione serale o notturna.[…]La sera si disponeva al rapimento letterario adagiato sul divano, più spesso a letto, prolungando fino a tarda notte il piacere dell’immaginazione guidata dalla muta eloquenza della pagina scritta…”qui estratto Lettura

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: