Ecco l’inizio di un viaggio alla scoperta di Alice Munroe e delle sue storie. Rina Brundo ci offre…l’incipit.
Grazie e congratulazioni ad Alice Munroe per il Nobel

LA BARBA DI DIOGENE

di Rina Brundu. “After supper my father says, “Want to go down and see if the Lake’s still there?” We leave my mother sewing under the dining-room light, making clothes for me against the opening of school. She has ripped up for this purpose an old suit and an old plaid wool dress of hers, and she has to cut and match very cleverly and also make me stand and turn for endless fittings. We leave my brother in bed in the little screened porch at the end of the front veranda…” (1), inizia così, con questo straordinario, trascinante incipit in medias-res Walker Brothers Cowboy, ovvero una delle prime, acclamate short-stories di Alice Munro l’ottantenne scrittrice canadese vincitrice del Premio Nobel per la Letteratura 2013.

Un incipit, questo della Munro, quasi violento nella sua possibilità di imporsi, di generare catarsi, di continuare per diverse pagine, laddove la voce narrante pare…

View original post 788 altre parole