Olimpiadi di Londra, inizio magico tra storia, arte, fiaba e musica, in una miscela entusiasmante!

La magia c’è tutta ed è la magia dell’uomo  che modifica il mondo intorno a sè. Il passare del tempo e  le traformazioni  dell’ambiente mostrano un uomo ancora in pieno dominio del mondo, un uomo che conosce i suoi mezzi e le sue potenzialità, un uomo che  trasferisce tutto il suo sapere  e la sua anima  nelle cerimonie collettive  e dunque nello Sport Olimpico! La coralità  dell’evento, la massiccia partecipazione delle masse  ad ogni fase della cerimonia, ovvero della storia riprodotta, fa ben sperare nella possibilità che i miliardi di uomini esistenti sulla terra scoprano i giusti percorsi di socializzazione.

Non sarà il dominio di questo o quel paese a trainare il carro… sarà una sola moltitudine di  anime diverse e collaborative, nel rispetto  proprio e delle diversità, ma anche nella continua ricerca di ciò che può e deve unire.

 

Grande spettacolo, grande impegno di mezzi. Tutte le contraddizioni del Regno Unito sono emerse: un paese rivoluzionario e conservatore, allo stesso tempo, che comunque apre da sempre spazi enormi alle sperimentazioni  di umana convivenza.