10 Novembre 2011, mi accingo a compilare il questionario on-line. Preferisco così, più veloce, leggibile, al passo con i tempi. Mi sento un cittadino consapevole, mi fa bene pensare che posso non usare la carta, non andare al Comune, non avere a che fare con uffici e impiegati, insomma Brunetta mi direbbe: “Bravo, questa è modernizzazione!

Recupero il codice ISTAT, recupero la password (Box grigia in basso a destra che un povero anziano non legge bene, fondo grigio, numeri grigioscuro…), va bene, superato il passaggio delle 14 lettere, maiuscole+minuscole+ numeri… Salta la scritta malefica: Password errata!
Riprovo, forse ho sbagliato la successione alfanumerica maiuscolaminuscola…
Nooo! Ancora password errata.

Leggo che esiste un numero verde di supporto, bene, chiamo subito e mi accingo ad aspettare al suono della solita musichetta e invece no, sorpresa! Questa volta, dopo pochi secondi parlo con l’operatore N.10378 e udite, udite risponde al mio  quesito con : “Signora deve andare in Comune a farsi dare una nuova password oppure portare il cartaceo!”  Cosaaaa? Rispondo: “ma non avete previsto un sistema di recupero password on-line?” Anche il sito più  banale prevede questo passaggio. L’ISTAT, in nome della tanto sbandierata (promessa Berlucobrunettiana )sburocratizzazione, digitalizzazione e chi più ne ha più ne metta, non ha pensato  a qualcosa di  simile? No, come in un perverso gioco dell’oca ci fanno  andare dal   numero verde a  due operatori e poi al Comune, vecchia stampella, sempre più malandata dei Good Old Times!

Non ci posso credere! Sono scoraggiata, ma in questi  giorni  la lotta contro lo scoraggiamento  è  continua. Forse questo del censimento è oggi  l’ultimo dei problemi, ma davvero,  ogni piccolo passo che il cittadino italiano deve fare è sempre accompagnato da un piccolo grande ostacolo da superare…

Le difficoltà rafforzano, soffrire in questa valle di lacrime  porta in Paradiso ( beato  chi ci crede). Coraggio, carta e penna e…si compila il questionario  a mano, almeno al Comune ci andiamo una volta sola!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.