• Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Mondo Fuori

  • 5 Ottobre 2020-Giornata UNESCO dedicata agli Isegnanti

  • 3 Ottobre 2013-3 Ottobre 2020 Ricordare, accogliere, progettare il futuro

    more

    Il 3 ottobre è diventato giornata della memoria e dell'accoglienza, una data in cui si ricordano le vittime del naufragio di Lampedusa e tutti i migranti che hanno perso la vita nel tentativo di arrivare in Italia, la porta dell'Europa.

  • Giornata mondiale del migrante e del rifugiato 2020- Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra. Ancora morti, tanti. Troppi!

    Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • 23 Maggio-19 Luglio -Luci che non si spengono…

  • 10 Maggio 2020-Festa della Mamma

    dalla vita di una grande mamma...

  • 2 Giugno 2020-Festa della Repubblica Italiana

    Ossimori festosi: ferita, disorientata, fragile, eppure resiliente, meravigliosa e forte. La nostra Repubblica.

  • Amo l’Europa

  • 1° Maggio 2020-Coraggio!

    R.Guttuso-Portella delle Ginestre

  • 25 Aprile 2020- Festa della Liberazione dal nazifascismo

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • Io sto con Emercency

    Guerre, Epidemie, Vite umane falcidiate... Per nostra fortuna c'è Emercency.

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • 8 Marzo 2020-Donne insieme con determinazione e speranza

    a mia madre-click&read
  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 25 Novembre-Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

    Il racconto dell'ancella di M.Atwood-Giochi di potere sul corpo delle donne

    RISPETTO E PREVENZIONE

  • BREXIT- L’ora è scoccata

    Sentimenti contrastanti accompagnano questo momento. Il mio cuore è lì, Oltremanica. E sento come uno strappo, un'ulteriore barriera tra me e i miei affetti. Ho bisogno di tempo e di freddezza per rielaborare il significato di questo evento .

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • 20 Novembre2020- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com
  • Disclaimer

    I contenuti del blog sono un’esclusiva di Affascinailtuocuore.  È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma, senza  autorizzazione dell’autrice.

    Contenuti di altri autori sono debitamente individuati con tutti i riferimenti necessari.

N. Ammaniti-IO E TE. Quando il passato aiuta a vivere meglio il presente

io-e-te-ammaniti_thumb[1]

Veloce il ritmo di questo breve romanzo, proprio come piace ai lettori che vogliono storie brevi, efficaci e intense. Libro per giovani? Sembra rivolto a loro, visto che il protagonista è un adolescente, ma non lo definirei  così, semplicisticamente, anzi. Ammaniti mette insieme diverse suggestioni, anche letterarie:

Lorenzo è forse una variante di Jack Frusciante;

la mosca mascherata da vespa è un richiamo agli insetti Kafkiani e, più vicino a noi, alla Mosca del film La Scuola di Daniele Luchetti;

le famiglie borghesi, con  figli e genitori problematici;

droga come un destino inesorabile;

Cortina e ragazzi ricchi un po’ bulli, in settimana bianca; 

cantine polverose, quasi bunker per sopravvissuti (anche le cantine, nelle case dei ricchi, sono belle e promettenti! Piene di vecchie cianfrusaglie di una ricca e disperata contessa…); 

Villa Ornella, l’Hospice dove la meravigliosa nonna Laura è in attesa della morte;

il ritorno al passato, che aiuta a vivere meglio il presente, con Marcella Bella e le sue Montagne Verdi (ricordo personale: canzone per i miei occhi verdi di ventenne).

Insomma ben “ispirato”, ben scritto e narrato, una lettura trans-generazionale. Dicono che Bertolucci ne voglia fare un film in 3D: esalterà la magica cantina dove la storia arriva al suo turning point

L’opinione di Marta (LinKiesta) su  IO E TE di Bertolucci (Nastro d’Argento 2012):

“Sono andata al cinema armata di pregiudizi. Ricordavo la sensazione fastidiosa  che avevo provato guardando The Dreamers, il film di Bernardo  Bertolucci che indagava il mondo degli adolescenti, infarcito di stereotipi e di  retorica, e con personaggi che era difficile farli più antipatici di così.
Pensavo che un uomo anziano, famoso, che ha vissuto una vita così speciale, non  potesse dire niente di verosimile su due ragazzini in crisi e sbandati.
Mi  aspettavo un lavoro estetizzante, lontano, perfino irritante.
Temevo che non  mi sarebbero piaciuti nemmeno gli attori scelti per interpretare i due  protagonisti, intravvisti nel trailer: troppo inquietante lui, troppo bella  lei.
Invece Io e te, tratto dal bel racconto di Niccolò Ammaniti, è  un film tenerissimo, dolente, partecipe…” Leggi il resto

 

N. Ammaniti-IO E TE. Quando il passato aiuta a vivere meglio il presente

io-e-te-ammaniti_thumb[1]

Veloce il ritmo di questo breve romanzo, proprio come piace ai lettori che vogliono storie brevi, efficaci e intense. Libro per giovani? Sembra rivolto a loro, visto che il protagonista è un adolescente, ma non lo definirei  così, semplicisticamente, anzi. Ammaniti mette insieme diverse suggestioni, anche letterarie: Lorenzo è forse una variante di Jack Frusciante; la mosca mascherata da vespa è un richiamo agli insetti Kafkiani e, più vicino a noi, alla Mosca del film La Scuola.

Famiglie borghesi; figli e genitori problematici; droga come un destino inesorabile; Cortina e ragazzi ricchi un po’ bulli, in settimana bianca e cantine polverose, quasi bunker per sopravvissuti (anche le cantine, nelle case dei ricchi, sono belle e promettenti! Piene di vecchie cianfrusaglie di una ricca e disperata contessa…);

Villa Ornella, l’Hospice dove la meravigliosa nonna Laura è in attesa della morte; il ritorno al passato, che aiuta a vivere meglio il presente, con Marcella Bella e le sue Montagne Verdi (ricordo personale: canzone per i miei occhi verdi di ventenne). Insomma ben “ispirato”, ben scritto e narrato, una lettura trans-generazionale. Dicono che Bertolucci ne voglia fare un film in 3D: esalterà la magica cantina dove la storia arriva al suo turning point

L’opinione di Marta (LinKiesta) su  IO E TE di Bertolucci (Nastro d’Argento 2012):

“Sono andata al cinema armata di pregiudizi. Ricordavo la sensazione fastidiosa  che avevo provato guardando The Dreamers, il film di Bernardo  Bertolucci che indagava il mondo degli adolescenti, infarcito di stereotipi e di  retorica, e con personaggi che era difficile farli più antipatici di così.
Pensavo che un uomo anziano, famoso, che ha vissuto una vita così speciale, non  potesse dire niente di verosimile su due ragazzini in crisi e sbandati.
Mi  aspettavo un lavoro estetizzante, lontano, perfino irritante.
Temevo che non  mi sarebbero piaciuti nemmeno gli attori scelti per interpretare i due  protagonisti, intravvisti nel trailer: troppo inquietante lui, troppo bella  lei.
Invece Io e te, tratto dal bel racconto di Niccolò Ammaniti, è  un film tenerissimo, dolente, partecipe…” Leggi il resto

 

Zadie Smith-DENTI BIANCHI. Come va a finire?

Denti Bianchi_ZSmith

Zadie Smith-Denti Bianchi-Oscar Mondadori, Milano 2000

 

Due famiglie, i Jones e gli Iqbal, le cui vite sconclusionate racchiudono gli ottimismi e le contraddizioni del secolo appena concluso. Archie Jones è un tipico proletario inglese, mentre il suo migliore amico è il bengalese e musulmano Samad Iqbal. Si sono conosciuti su un carrarmato alla fine della Seconda guerra mondiale, diretti a Istanbul e ignari del fatto che la guerra era già finita. Riunitasi a Londra trent’anni dopo, questa coppia improbabile si ritrova coinvolta nel ciclone politico, razziale e sessuale di quei tempi. Descrizione Mondadori

 

 Topi

 “presto nel mattino, tardi nel secolo […] alle 6,27 dell’ 1 gennaio 1975”

Nonostante questo inizio decisamente intrigante, che continua con una pagina magnifica sul tentato, improbabile suicidio di Archie, seduto nella sua Cavalier Musketeer Estate, ho stentato a leggere le prime cento pagine, poi mi sono fatta prendere dal “brodo” e da tutti i suoi molteplici ingredienti pieni di gusto, vari.

C’è di tutto: relazioni interculturali, guerra, amore, razzismo, Islam, testimoni di Geova, genetica, droga, degrado urbano etc. etc. Credo sia una sorta di esperimento, un tentativo di vomitare sul lettore tutte le cose che “toccano” Zadie nel profondo.

La conclusione, poi… molto radical chic, molto furba e accattivante: aperta, per chi vuole calarsi nel topo, libero finalmente! Chiusa e rassicurante con un lieto fine che, tuttavia, lascia irrisolti molti grandi problemi.

Mi è piaciuta la possibilità che ho avuto come lettrice di ritrovare uno spicchio di contemporaneità e di storia, soprattutto lo sguardo disincantato  su Londra e sulle sue enormi contraddizioni che ne fanno una città unica, nel bene e nel male.

 

whiteteeth Moschin

Short plot and some  reflections.

by Sara Moschin, a student from P. Scalcerle High School, Padua  2007) :

 The main characters are two friends,  Archie Jones and Samal Iqbal. The former is a middle-class man from England, aged 47; the latter is a Bangladeshi immigrant waiter, more or less,  same age .

The two met during the Second World War and became friends in wartime. Twenty years later, Archie falls in committing suicide and meets Clara, a Jamaican girl  with whom he falls in love, after divorcing. In the meanwhile, Samad had married Alsana, from Bangladesh too.

The two couples become soon neighbour and have children: Irie Jones and  the twins Millat and Magit Iqbal, who  grow up all together.

The situation of this strange, multicultural combination is developed through prejudices, departures, betrayals and surprises. Everything turns around and around until the conclusion, which sounds like a new start, as it often happens in real life.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: