• Mondo Fuori

  • I numeri di Affascinailtuocuore

    • 100.597 visite
  • 25 Novembre-Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

    Il racconto dell'ancella di M.Atwood-Giochi di potere sul corpo delle donne

    RISPETTO E PREVENZIONE

  • Giornata Mondiale del Migrante 2019- Viaggi e Diritti, in tempo di pace e di guerra. Ancora morti, tanti. Troppi!

    Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • 19 Luglio -Luci che non si spengono

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • Io sto con Emercency

    sempre più guerre, sempre più vittime, Per fortuna che c'è Emercency.

  • 2 Giugno 2019-Festa della Repubblica Italiana

  • Amo l’Europa e il 26 Maggio VOTO.

  • 1° Maggio, su coraggio! Io ti amo…

    Alto e basso.Guttuso e Tozzi. Tempo di contaminazioni...

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • 25 Aprile 2019- Festa della Liberazione dal nazifascismo

    La Storia che mi piace...Fiori di Aprile nel giardino d'Italia liberato

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

    “Despite everything, life is full of beauty and meaning.” ― Etti Hillesum, Lettres De Westerbork

  • 8 Marzo 2018-Donne insieme con determinazione e speranza

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • 20 Novembre2017- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com
  • Disclaimer

    I contenuti del blog sono un’esclusiva di Affascinailtuocuore.  È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma, senza  autorizzazione dell’autrice.

Ferragosto 2013 in viaggio nei luoghi del cuore

La Stampa (Giovedì, 15 Agosto 2013), mi riporta nei luoghi del cuore. Tra gli itinerari di viaggio suggeriti da Roberto Duiz,   due le località che fanno parte della mia vita e dei miei ricordi più intensi: Stromboli e Alba Fucens.

Stromboli vista dai bambiniTorniamo al 1986, la famiglia decide di trascorrere le ferie estive a Stromboli. Le zie di Stefano, Anna e Cettina, hanno un’amica che possiede una bella casa a due passi dalla nera spiaggia stromboliana. Si prende in affitto e si parte. Un mese di meraviglie.
Comincia la prima esaltante avventura eoliana tra mare, lava, incendi terrificanti rosso Canadair, ma soprattutto la scoperta di un ammaliante cielo stellato sopra di noi, nella piazzetta in cima al paese.

Ferragosto, la Chiesa Madre fa da sfondo, le note di una canzone alla moda fuoriescono dalla radiolina di uno strano tipo. Noi tutti siamo ammaliati dal manto luminoso che ci fa da tenda ed io in lacrime, in preda ad una delle più feroci crisi esistenziali ed emozionali che abbia mai vissuto. Indelebile!

Alba Fucens scavi 001Che dire di Alba Fucens? È nella mia terra, la Marsica, è nelle mie corde, con lo sfondo del Monte Velino che mi salutava ogni mattina quando mi affacciavo dalla finestra della cucina, lì a sinistra o da quella della “sala da pranzo” sempre lì, a sinistra…

chiesetta di San Pietro Alba FucensNella Chiesa di San Pietro si è sposata Rosanna, la mia sorella maggiore, all’inizio della primavera, durante una nevicata pazzesca. La sposa era lunare, da fiaba, avvolta nel suo pizzo bianco che accoglieva, nei suoi trafori delicati, fiocchi leggeri ed insistenti di neve. Tutti gli invitati, morti di freddo, tra abiti velati e scarpette leggere, non vedevano l’ora che la cerimonia finisse per potersi rifugiare nel calore del ristorante e iniziare l’agognato pranzo di nozze!

Monte Velino_AbruzzoTante “scampagnate” ad Alba Fucens, meta di innamorati e allegre comitive di compagni in gita. La descrizione di Roberto Duiz,  è lo specchio del luogo e dei sentimenti che evoca.

A questi aggiungo i miei ricordi ed un pensiero affettuoso e riverente che vola verso il Velino.

Guarda questo  bellissimo  documentario di RAI3 sulle Pietre di Alba Fucens.

P. Pezzelli-ITALIAN LESSONS. Un gusto antico di Abruzzo nell’America di Carter Quinn

italian lessonsgrande.png

Giugno 2011. Questa America liberista e talora libertaria, lobbista, sorprendente, conservatrice e progressista,  Land of Contradictions colpisce ancora:

“Approvato a New York con maggioranza bipartisan il Marriage Equality Act, provvedimento proposto dal governatore, Andrew Cuomo, che riconosce alle coppie omosessuali il diritto di contrarre matrimonio come ogni altra coppia nello Stato di New York…”

  E allora,   mi viene voglia  di fare un salto  leggero tra gli Italo-americani! Non so spiegare la connessione immediata, non so quanto coerente essa sia,  ma decido di pubblicare la recensione che stavo  scrivendo del romanzo di Peter Pezzelli, un romanzo leggero, d’amore, di partenze e di ritorni, tra una lezione e l’altra di Italiano… 

Nato e cresciuto in America (Rhode Island),   Pezzelli trasferisce  in  Italian lessons, tutto il suo bagaglio  culturale Abruzzese. E già questo è stato per me un forte richiamo.

Giancarlo, il professore protagonista della storia,  insegna musica e da lezioni di Italiano solo a chi è disposto a impegnarsi seriamente. Carter Quinn  accetta. Tra lui e il  professore si instaura una rapporto  profondo. L’Italia, e l’Abruzzo in particolare,  si trasformano  da terra dell’amore, come Carter l’ha sempre  immaginata,  in territorio da esplorare alla ricerca di verità nascoste che possono  cambiare la vita dei protagonisti…

Fresh out of college, Carter Quinn has returned to his home in North Providence, Rhode Island, unsure of just about everything except his plans to go to Italy and pursue the woman of his dreams. To do that, he needs to learn to speak Italian, and only one man is right for the job-Giancarlo Rosa- if Carter can survive him.”

appreciation…

Light, humorous, pleasant I enjoyed the friendly and familiar atmosphere of the different settings: Giancarlo’s house, the College and, in the second part, Castelalto in Abruzzo. My mountains, my Folk, The Sunday traditions, Lunch with roasted Lamb…

Language and style? Very simple, realistic, straightforward, sometimes naive…

Interesting and effective  is the approach to language teaching. Giancarlo is a good teacher. His lessons are full of realism and magic at the same time. They reflect his tormented, unresolved relationship with his homeland, his family and his beloved…

Amazing are the differences between  American and English as well as the funny translation of some sentences from American into Italian. a helpful and valuable tip for teachers: Love as the most effective motivation for  learning a foreign  language … A very ancient  motivation, never duly mentioned and exploited in FLT books! Bello!

Dello stesso autore: Home to Italy, Francesca’s Kitchen, Every Sunday

L’Aquila: acqua e vita alle 99 Cannelle. Grazie FAI

L’Aquila ritrova il suo monumento. Torna l’acqua dalle 99 Cannelle  

 

La Fontana ripristinata dal Fai. Napolitano: segno di rinascita. La presidente del Fondo, Borletti Buitoni: oggi in città è tornata un po’ di vita

  di GIUSEPPE CAPORALE 

081523462-715c3d03-8ced-4a62-bcd3-c45cb190c23d

 

L’AQUILA – Sorride padre Carmine, il frate che da un anno e otto mesi abita in un container fuori dal Convento di Santa Chiara, a venti metri dalla Fontana delle 99 Cannelle. “Oggi per tutta la città è un giorno di festa” spiega guardando il monumento che finalmente dopo un anno e otto mesi è tornato a vivere ed ora è circondato da bambini, il coro del Gran Sasso e la banda musicale dell’Esercito. E molto altra gente. Nonostante il freddo polare, in una città ancora invasa dalle macerie, si festeggia. Si festeggia – con tanto di taglio del nastro – un monumento simbolo del centro storico che, finalmente, torna a vivere: la fontana delle 99 Cannelle. L’acqua, da ieri, è tornata a sgorgare dai mascheroni dopo otto mesi di lavori di consolidamento e di restauro per un investimento da 750 mila euro. Ma non porta la firma del lo Stato la prima opera di rinascita del centro storico, bensì quella del Fai (Fondo Ambiente Italiano). Una fondazione che tutela il patrimonio artistico italiano che ha mobilitato imprenditori, architetti, ingegneri e altri professionisti per soccorrere L’Aquila, adottando questo monumento.(Leggi l’articolo )

 

 

 

Torno a L’Aquila, città protagonista di anni folgoranti della mia vita,  per gioire con lei dei momenti che  la vedono ritornare alla vita con la sua gente, la sua storia e la  sua cultura. E’ una “rinascita”  il ritorno dell’acqua nella  fontana delle 99 Cannelle che mi ha visto tante volte felice al tiepido sole primaverile,  tra il dolce rumore dell’acqua che scorre e l’accompagnamento delle chiacchiere e delle risate con gli  amici.

M. Monicelli-PARENTI SERPENTI. Quando un film graffia e mette a nudo le nostre debolezze

clip_image001Parenti Serpenti

M. Monicelli 1991

Una storia nella storia

Un’esperienza indimenticabile, seppur nei suoi contorni più amari. Amari, sì, non agrodolci, non ironici e neanche grotteschi, ma intensamente amari. Forse il tempo trascorso da quel giorno ha sbiadito la cornice dei miei ricordi, ma non l’evento.

Mia madre in uno dei suoi soggiorni a casa da me, non frequenti, ma regolari, viene letteralmente travolta dalla proposta di Stefano. Nato e cresciuto a pane e cinema, appassionato dei grandi registi dell’epoca d’oro della commedia all’ Italiana, Stefano organizza il piccolo evento familiare, inconsapevole, non aveva visto il film, prima…

stasera vi faccio vedere come lavora un grande!

E allora via a “Parenti serpenti”. L’ambiente caldo, confortevole e intimo della taverna di casa; il camino illuminato dalle fiamme scoppiettanti che accentuano il bel rosso bordeaux del divano nuovo, fatto fare su misura per quell’angolino accogliente; non comodissimo di suo, il divano diventa sempre meno comodo durante il film…

La storia ci cala di peso in una di quelle situazioni tipiche delle feste di Natale, anche della mia, in fondo. Tre figlie, tre mondi ormai separati dal nucleo originale e anche tra loro molto distanti. Ognuna con la propria famiglia e le proprie storie. Il figlio maschio, Alfredo, è un’altra storia.

Mamma e papà, due semplici vecchietti abruzzesi, nella loro casetta essenziale, in un bel paesino d’ Abruzzo, coperto di neve, come da copione, gioiscono della presenza di tutti quei figli grandi, bravi, più o meno di successo, sicuramente affezionati…

La mamma-nonna si da un gran da fare in cucina. Il cibo tradizionale,che riconosco in tutte le varianti proposte, ricco e fantasioso, cerca di sopperire all’inconsistenza che nutre l’animo e la testa di questi figli.

La cornice, l’ambientazione, i riti tradizionali (cena, messa di mezzanotte, tombola, regali…) risvegliano una sensazione antica. Desiderio di festa e terrore dell’arrivo. Tensioni, liti:

 Si va dai parenti di mamma dove si gioca e ci si diverte o da quelli di papà, boriosi e tristi? A casa nostra no? Mai un Natale solo nostro? Ma tant’è.

mario_monicelli_cameraLa storia si dipana in modo magistrale: si passa dall’idea di compattezza, di famiglia tutto sommato felice, con dei “valori” condivisi, attenti alla salute e al benessere dei “vecchi genitori”, fino ad arrivare all’esplosione del conflitto e poi, piano piano ma inesorabilmente, all’accordo profondo, intimo e ritrovato intorno all’evento fatale. Bum! E il problema mamma-e- papà è risolto.

Cosa scatena il tutto? Quale la chiave di volta della storia? La proposta dei vecchietti di lasciare in eredità la casa e la pensione al figlio o figlia che vorrà occuparsi di loro, fino alla loro morte (naturale). Cara, dolce, famiglia. E poi anche voi cari genitori, ma che razza di proposta fate?

Mia madre è visibilmente scossa. Stefano impietrito. Io solo a disagio, forse perché per me, essere fin troppo razionale, è solo un film. Eppure è vero c’è qualcosa di noi, della nostra famiglia.

La mia grande Madre, in un momento delicato della sua vita e dei suoi rapporti-non rapporti con le figlie, si è sentita sola, nuda di fronte ai suoi timori.

E tuttavia la conclusione paradossale e un po’ da film horror-grottesco sembra non coinvolgerla più di tanto, una fine da film. Ma l’esasperazione del conflitto, alimentato da amore-odio-indifferenza- invidia-inettitudine affettiva mostrata da questi figli, quella si l’ha fatta pensare, l’ha turbata.

Esagerati! E’ un film dopo tutto. Ma alcuni film più di altri, alcuni registi più di altri riescono ad andare oltre il puro realismo di una vicenda per toccare il mondo reale, quello sì, dei sentimenti, dei conflitti interiori, delle contraddizioni di cui siamo fatti.

monicelliDa allora, ogni volta che ne abbiamo avuto l’occasione, abbiamo ricordato quella serata, con mamma, sorridendoci sopra, ma rivivendo anche quel senso di amarezza che la storia ci aveva lasciato dentro. E siamo andati tutti avanti, qualcuno, verso quella direzione di distacco e diffidenza verso gli altri, di incapacità d’amare veramente. Forse. In alcuni momenti la realtà ha superato la fantasia, ma siamo andati avanti. E tutto questo terremoto dell’anima lo ha provocato lui, Monicelli, con un film che qualcuno ha liquidato semplicemente come un “Bozzetto grottesco”, pensate un po’!

 

Nei Ricordi con Fruttero-MUTANDINE DI CHIFFON. Memorie retribuite

 

Due i motivi che mi hanno trattenuto dall’iniziare la lettura del libro di Carlo Fruttero Mutandine di chiffon. Il primo legato al mio essere così “elderly woman” bigotta e timorosa di fronte ad un titolo così ammiccante, imbarazzante, allusivo a situazioni per lo meno frivole, se non piccanti; il secondo legato alla “promozione” di Fazio. Mi piace Fabio, mi piace la trasmissione “Che tempo che fa”, mi piacciono da morire le sue scelte e proposte di lettura. Penso ad alcuni suoi ospiti che sono tra i miei scrittori preferiti, Pamuk, McEwan, Auster, Erri De Luca ( unico!), Camilleri etc etc.

Questa sua scelta tuttavia mi è apparsa un po’ pietistica, un po’ paternalistica, poco convincente. Che errore! Che ignoranza la mia! (Posso dirlo ora, a lettura conclusa)

Decido dunque che s’ha da fare e comincio la conflittuale ricerca di questo libro, vagando tra le affollate corsie della Feltrinelli di Padova.

 Ecco che mi colpisce l’occhio e il cuore la copertina che, lottando contro la mia scettica disposizione iniziale, fa crescere in me il desiderio di leggere MDC. Bella luminosa e sensuale. Donna in rosso, sicuramente adusa ad indossare le fatidiche e raffinate mutandine; languida, alla maniera della moda anni 40/50. E mi torna subito alla mente la buffa conversazione con Pino-amico-di-Stefano alle terme di Venturina, in una parte della Toscana, quella vicino a Piombino, da me sempre associata al traghettamento per l’isola d’Elba ed ora scoperta con occhio nuovo e pieno di meraviglia. Pino e le sue fantasie erotiche! Quella del momento? Donna con veletta… E’ la donna in copertina con il suo  fascino, mistero, ironia, gusto.

E i colori della copertina!

Flashback dalla mia adolescenza: scatta l’emozione. 1963, seconda media unificata di recente, in una piccola scuola del centro di Avezzano, (vicino a casa, ci andavo a piedi a scuola, sola, senza problemi di alcun tipo), un professore indimenticabile di disegno e applicazioni tecniche, Mario Quaraglia, il mito che rincontrerò alle superiori e che mi guiderà con sapienza a creare le mie reti concettuali dove Arte, Letteratura, Storia, Scienze e Filosofia si intrecceranno in un caleidoscopio di rimandi, collegamenti, scoperte. Lezione di disegno geometrico, quasi alla Escher, o Picasso o Braque, non so…rigoroso, spigoloso e flessibile allo stesso tempo. Ci invita a lasciar libera la nostra creatività nella scelta dei colori. E lì mi saltano dagli occhi e dal cuore il giallo e il viola! Magicamente. Ed è lì che lui mi sorride compiaciuto e mi fa i complimenti per il miglior abbinamento possibile che si possa fare con il viola. Ora, Fruttero e la sua copertina di Lorenzo Mattotti aggiungono all’armonia del gialloviola il calore terreno del rosso e dell’ ocra. Nuova armonia che mi invoglia.

Si aggiunge alla copertina quel breve e incisivo sottotitolo, memorie retribuite, che fa scattare la chiave dell’ironia.

Mi piace, lo compro e comincio a leggerlo.

Finito! Continuo il breve antefatto partendo dalla fine, dallo scherzo parigino tra nonno e nipote. Quasi un appello umano e gentile e pulito a tutti i nonni che si incontrano, magari per un tè o una chiacchierata o una partita a carte, uniti da una dolce complicità, ma direi anche “competizione” su chi ha i nipotini più creativi, più brillanti, più somiglianti ai “grandi-papà e alle grandi- mamme”.

 Lo vivo io con le mie amiche. E’ vero i nipotini aiutano a vivere il doloroso passaggio dall’attività, dal senso di onnipotenza di cui il lavoro ci nutriva, noi generazione around 68. Tanto illusi dal grande sogno di cambiare il mondo e svegliati di brutto al momento della pensione con un addio e grazie e il mondo è rimasto come sempre e, per molti versi,  peggio di sempre…Ora tocca ad altri illusi e già delusi, ma forse per questo più realisti e forse più incisivi.

Tornando ai nonni orgogliosi, si, i nipotini diventano davvero gli strumenti (brutta parola!) per riconfermare a noi stessi e agli altri la nostra unicità. Questo è forse l’unico errore che alcuni nonni continuano a fare, lo stesso di alcuni genitori insoddisfatti che vogliono a tutti i costi recuperare sogni e ambizioni, non realizzati in gioventù, attraverso i loro figli …Poveri!!! Nel giochetto parigino Carlo ed il nipotino direbbero: “crotte de…parentes”  “crotte de… grand-père ’ and gran-mère’!”

 Amaramente comico l’aneddoto sull’amico Terzi e le sue vicissitudini politiche di giovane italiano confuso,  pre e post otto settembre. Mi piace riportare da questo siparietto quello che Fruttero dice dell’amicizia:

“Gli amici senza dubbio si muovono, seguono la loro via, si rendono ridicoli, sbagliano, perdono pezzi, spariscono per lunghi periodi; ma per me, ai miei occhi, la loro vera essenza è l’immutabilità, una sorta di persistenza naturale come di albero, di isola o di tempio greco, se vogliamo. Non è questione di lealtà, fedeltà, confidenza, affinità o altro. Stanno sempre lì, ci sono comunque, li ritrovi anche al buio. So bene che sull’amicizia sono stati scritti saggi e trattati importanti ma io non me la sento di andare più in là di una similitudine, diciamo, frugale: entri nella vecchia casa, cerchi istintivamente l’interruttore a destra della porta, premi e la luce si accende, l’impianto funziona ancora (in gioventù naturalmente sono ammessi errori e disillusioni)”.(93ssgg)

Mi piace pensare che anche per me possa diventare così. Amicizia come “coltivazione” continua. Amicizia, che un volta nata, va nutrita, risvegliata, coltivata. Fruttero ha fatto queste operazioni prima di pensare all’interruttore? E poi ha provato ad accenderlo? Come nasce per lui un’amicizia, anch’essa per una immediata, imprevista scarica elettrica,  un po’ come si dice accada per l’amore?

Madeleine personali nella siepe dei lamponi: tante le siepi di “more” lungo la ferrovia del Cupello, periferica campagna della periferia del Regno: la Marsica, l’Abruzzo. A casa di nonna Angelina (le mie due nonne si chiamavano entrambe Angela, genitori in vena di qualificare le loro bimbe come angeli venuti dal cielo? Nonna Angelina era grassoccia e dava a noi nipoti l’impressione di essere una donnona! Nonna Angela, detta nonnina, era piccola piccola, quasi nana, grandi occhi azzurri , capelli neri fino alla veneranda età di 96 anni, quando è passata a miglior vita. Nonna Angela: una piccola grande imprenditrice, femminista ante litteram, istituisce il primo laboratorio artigianale di camiceria e biancheria intima da uomo, con quattro o cinque (forse otto? non ricordo esattamente il numero) ragazze alle sue dipendenze. Istruisce anche mia madre, che diventa bravissima e molto apprezzata per il suo lavoro. Ma poi, nel tempo, tutto crolla: malattie, crisi familiari, un padre poco imprenditore e molto “poeta con la testa per aria”, portano al fallimento di un’attività che oggi, sta vivendo una stagione fortunata.

Torniamo alle more. A casa di nonna Angelina d’estate: panzanella con pomodori dell’orto per merenda, tante more raccolte durante le lunghe passeggiate sonnolente del primo pomeriggio, in direzione Fucino. Abbronzatissima lì, in campagna a Ferragosto negli anni 50-60 mentre tutti gli altri, le mie ricche compagne di scuola, cominciano a frequentare spiagge e rotonde sul mare, sul’Adriatico, in Toscana. Rassegnazione, malinconia, invidia e tante tante more.

Il destino (felice?) di Piero Crommelink. Sì, capisco, aver folgorato e ispirato Picasso sazia. Toglie la fame di popolarità, di notorietà, di riconoscimenti. Diventi eterno! Forse è troppo però, diventi qualcosa sulla carta, sulla tela, certamente immutabile, ma comunque la proiezione dello sguardo di  un altro che non sei tu! Però, onestamente, chi non vorrebbe essersi imbattuto in Picasso ed ispirarlo con i suoi occhi, il suo viso, la sua espressione unica , un qualcosa nello sguardo che solo un grande artista sa e può cogliere e rendere eterno?

Carlo fa di Franco Lucentini, l’amico, il collaboratore, l’ispiratore, in un certo senso l’alter ego un ritratto vivo e commovente, ricco di tratti realistici e di trasposizioni di sogno. Non posso e non so aggiungere nulla, se non invitare chi volesse, a leggere le parole di Carlo stesso. So, comunque che ammiro e un po’ invidio questa amicizia, fatta di tanto.

Apologia della famiglia come fonte di felicità, fonte di infelicità. Tutto vero sebbene contraddittorio. Tutto sentito, discusso e ridiscusso, ma qui in tono così lieve che rimanda alla bambina e alle sue visioni sulla sua parte di cozza nella recita scolastica di fine anno.

Nonno: “E cosa devi dire come cozza?”

Bambina:” Oh, be’, sai, le cose che di solito dicono le cozze”.

Fantasticamente seria e consapevole! E non assilliamo per piacere le cozze ”parlanti”.  Rischiamo di farle diventare mute e tristi!

Sei tu, Stefano? Carlo e il fumo e le marche di sigarette.”Per la pipa, fumata a letto, leggendo, con candida inusuale noncuranza verso il benessere di mia madre, mio padre ricorreva a tonde scatole di miscela inglesi, e inglesi erano talvolta anche le sigarette con il marinaio barbuto o le rosse Craven “

Mio suocero e il cugino Aristide. Non so se leggesse Liala (a giudicare da tutti i libri che abbiamo ereditato, non credo proprio) mio suocero Enrico, detto Toto, certo che sentì molto, come il cugino Aristide, alitargli sul collo lo spirito del tempo se, per puro gusto estetico o voglia di trasgredire o voglia di impressionare le donne e conquistarle, si fece fare su misura un bel paio, di “stivaloni “ di puro cuoio, fuori ordinanza, ma così belli e simbolici! Da ufficiale gentiluomo, decidete voi se inglese, tedesco o altro! Quanti Aristidini descritti e viventi in qui tempi non proprio rosa!

Nep Szabadap e la delusione ungherese del 1956. Nep Szabadap, Nep Szabadap, Nep Szabadap.. ma Paolo Conte non sei tu? Ti adora Fruttero, ti inserisce nella lista degli illustri astigiani e piemontesi…ed io ho un motivo in più per amare Carlo. Razmataz , Razmataz, Razmataz, musica per le nostre orecchie!

Sarà stata Torino, le grandi case editrici, tutte lì nel triangolo industriale (Padania?) Sarà che molti  grandi intellettuali del mio tempo e delle mie letture hanno lavorato e sono cresciuti lì dentro, ma io provo veramente un senso di invidia, di privazione quando leggo della natura ed intensità dei rapporti con Calvino, Soldati, Citati, DORIS LESSING! Questo poteva allora  succedere solo se  “nascevi bene”, se crescevi e vivevi e lavoravi in ambienti che questi dei della Letteratura si trovano a frequentare. Beato te Carlo! Salutami Huxley;

Titoli. Carlo, allora è vero che i titoli delle opere straniere vengono tradotti pensando solo al successo e alle vendite nei paesi in cui si parla la lingua target ? Ma che ne fate lì, nelle stanze magiche delle case editrici, del messaggio inviato dall’autore al lettore attraverso il titolo del libro come estrema sintesi che dovrebbe racchiudere il core della storia ed arrivare come freccia scagliata diritto al cuore e alla testa del lettore? Come paragonare, ad esempio, il bel Set in Stone del romanzo di Catherine Dunne, che cito solo perché ho appena finito di leggerlo, prima di iniziare il tuo, con la sua trasposizione italiana “Donna alla Finestra”? Set in stone: scavato/scritto nella pietra, segno del destino scolpito nella tartaruga guardiana del focolare domestico che occhieggia nel bel giardino di famiglia…Racchiude in sé tutta la storia, tutti i dettagli, i percorsi, la sua anima.

Non approvo questa operazione, eppure funziona, funziona perché forse il lettore “compra” l’autore e poi pian piano si abitua a quel titolo, lo interpreta e riesce anche ad incastonarlo nella storia, anch’essa raccontata in un’altra lingua e reinterpretata con gli occhi di un’altra cultura.

Inutile commentare troppo i passi privati di Fruttero. Ciascuno di noi può ritrovarci qualcosa di sé. Io riconosco in lui, in quel corpo così “ossuto” con tratti marcati e bonariamente  “grotteschi” a volte, l’amata zia Anna e l’ostinato bisogno di piacere “catturato” nelle super proibite sigarette Gala.

“Non puoi fumare, morirai presto!” e lei rispondeva “tutti moriremo, prima o poi, io voglio farlo con il piacere tra le labbra”

 e poi con Carlo e con Beaudelaire 

“O Mort, vieux capitaine, il est temps. Levon l’ancre!”

L’ancora di questa fragile e al tempo stesso granitica, ormai scheletrica, donna, è l’ultima Gala… come fosse  uno dei giochi allegri, con parole inventate, fatti con le sua amate nipotine, che tanto piacere le hanno procurato in vita. Come per il saluto a Lucentini, anche per zia Anna” che il mare arcano della traversata [le] sia [stato] soave”

E’ la fine. E sono felice di aver subito il fascino dei colori in copertina e di aver ascoltato con abbandono e fiducia il pifferaio Fabio.

J.Fante-ASK THE DUST. Polvere su tutto, sugli abiti, sugli occhi, sul cuore…

 

Stiamo andando a Londra e mentre Stefano guida, ascoltiamo Paolo Conte ed il suo Happy Feet. Come sempre nei nostri lunghi viaggi verso l’amore di figlie e nipoti, ascoltiamo tanta, tanta musica. I generi sono quelli che amiamo da sempre, quelli che ci hanno accompagnato  prima in cassetta, poi in Cd, ora di nuovo in cassetta, lungo l’arco del nostro lungo cammino insieme, vagabondando con meta, da un punto all’altro dell’ Italia e dell’Europa.

Happy Feet, o Camilla’s ragged shoes (che avvolgono piedi magici, danzanti mentre da un tavolo all’altro, va a servire i clienti) contiene una  frase magica: “… con che libro affascini il tuo cuore?” . La trovo sublime per più motivi: il cuore al centro della lettura, il libro al centro della lettura e della fascinazione sul muscolo più emozionale del nostro organismo.

Ask the Dust  ha affascinato il mio cuore in questo ultimo mese.

Leggo il libro, un po’ alla volta, a piccole dosi, perché non finisca subito e l’emozione che mi procura continui nel tempo, con quel mio tornare indietro e andare avanti per pagine, per capitoli, per episodi, per descrizioni.

Los AngelesPolvere e polvere e polvere, dal deserto, sul deserto, su Los Angeles, nelle stanze d’albergo, sugli abiti, sugli occhi, sul cuore…Come liberarsi della polvere, se si vuole? Camilla non ha voluto e il deserto l’ha fagocitata. Lì la polvere è casa sua e il suo puppy Willie, ovvero il mondo della dimensione affettiva, scompare con lei. Non le serve altro.

Mi ha affascinato l’aspetto inter-multiculturale in una Los Angeles soffocante. Chi è di origine Italiana è un gradino più su dei Mexicans nella considerazione, ma entrambi sono delle nullità nel grande scintillante mondo W.A.S.P. della California. E allora, anche se per piccoli episodi, questo anello in cui le “inferiorità” etniche si rincorrono, troviamo Arturo e Camilla e Sammy e gli altri.

Poi Vera, la prima donna. Che figura sconvolgente! Tanto da avere le caratteristiche giuste per diventare il personaggio centrale del primo romanzo di Bandini.

terremoto LAquilaE lo spaccato reale e simbolico del terremoto che tutto travolge, mette sottosopra, irrispettoso dei sentimenti, della cura con cui uno si è costruito e arredato e vissuto la propria casa, letti penzolanti dai muri, urla, sangue: umanità sofferente. E Arturo lo interpreta come segno della punizione divina del suo peccato.

Tutta da sviscerare la religiosità di Bandini e l’educazione sessuofobica ricevuta nella sua cattolicissima famiglia, i sensi di colpa insinuati nel suo cuore e nel suo cervello sin dalla più tenera età.

Quante cose ritrovo in questo romanzo.  anche il terremoto d’Abruzzo e poi  lui e la sua abruzzesità:

“Gli abruzzesi che leggono Fante ci trovano tutto l’ Abruzzo del padre (e di John), il lavoro duro da muratore di Nick, il freddo delle montagne, le umiliazioni degli emigranti di inizio secolo, la voglia di emergere, la forza della disperazione e l’ orgoglio. Fante è uno scrittore le cui radici abruzzesi pervadono tutta la sua opera. Il padre, Nicola (Nick), lasciò Torricella Peligna, il piccolo centro in provincia di Chieti, nel 1901. John nacque in Colorado (tra i monti innevati, tanto simili a quelli abruzzesi) nel 1909…”[1]

Arturo vuole in un certo senso riscattarsi e diventare uno scrittore famoso, vuole capire come incanalare le sue esperienze ed emozioni in un centinaio di pagine del suo libro o, in più raccolte, succose ed efficaci Short Stories.

askthedust-filmSiamo proprio in viaggio: con Camilla, assolutamente round nel suo percorso di trasformazione totale (anche attraverso la marijuana) e di fuga verso la sua libertà; con Arturo, lo scrittore e il suo viaggio verso l’empatia, l’uscire da sé e capire le sofferenze del mondo, di Camilla, di Sammy nel suo viaggio a ritroso, dentro se stesso, in attesa della morte.

E viaggia con  Vera e il suo stratosferico complesso di inferiorità, grande tanto quanto il suo bisogno di essere amata; e  con Hellfrick e la sua ossessione di cibo che lo porta ad assassinare il tenero vitello di fronte agli occhi e alla disperazione della sua mamma-mucca, in una nottata da imboscata che segna la fine di uno strano rapporto basato sulla fame, sul bisogno di cibo, anche rubato con violenza. A cominciare dal latte in bottiglia, sottratto furtivamente dal furgoncino del fornitore dell’alberghetto in cui Arturo vive.

E quella strana forma di amore? Non ci sono parole per descrivere la sua nascita, la sua evoluzione, il suo gonfiarsi a dismisura, diventando amore e pietà per chi soffre.

E il gioco di luci, ombre, tramonti, albe… a Los Angeles e dintorni. In fondo traspare un amore “dettagliato” per questa città.

C’è tanto ancora in questo libro che ha affascinato il mio cuore, anche la fine, così melodrammatica e simbolica; quel lancio del romanzo con dedica verso la direzione da cui è scomparsa o fuggita Camilla…Quasi a voler fare questo estremo regalo al suo amore per lei, ma anche a voler mettere un segno di fine a questa storia così intensa.

Il mio cuore gode ancora del fascino che Arturo-John ha esercitato su di lui.

To John with love

Pubblicato per la prima volta nel 1939 è uno dei primi romanzi dello scrittore italo-americano, riscoperto in Italia e in Francia alla fine degli anni Ottanta dopo un lungo periodo di dimenticanza. La saga dello scrittore Arturo Bandini, alter ego dell’autore, giunge in questo romanzo al suo snodo decisivo. L’ironia sarcastica e irriverente, la comicità di Arturo Bandini si uniscono alla sua natura di sognatore sbandato, che ne fa il prototipo di tutti i sognatori sbandati che hanno popolato la letteratura dopo di lui. Al centro della vicenda è il percorso di Bandini verso la realizzazione delle sue ambizioni artistiche e la sua educazione sentimentale dopo l’incontro con la bella e strana Camilla Lopez…Descrizione IBS

Francesco De Gregori  racconta Fante e Bandini…

da RAI Scuola intervista-recensione di Giovanna Zucconi e Francesco De Gregori  su Chiedi alla Polvere


[1]Paolo di Vincenzo,  Colin Farrell interpreta John Fante, in

il Centro, Cultura & Società, 11 dicembre 2003

 http://www.john-fante.com/it/reviews/20031211.htm, ultima visita 28 Ottobre 2009

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: