• Follow Affascinailtuocuore on WordPress.com
  • Mondo Fuori

  • 27 Gennaio-Giornata della Memoria per continuare a ricordare, andando avanti

  • I viaggi della speranza e della disperazione.

    Viaggi nell'abisso. Samia: “Il Viaggio è una cosa che tutti noi abbiamo in testa fin da quando siamo nati. Ognuno ha amici e parenti che l’hanno fatto, oppure che a loro volta conoscono qualcuno che l’ha fatto. È una creatura mitologica che può portare alla salvezza o alla morte con la stessa facilità. Nessuno sa quanto può durare. Se si è fortunati due mesi. Se si è sfortunati anche un anno o due…”p.122 -Non dirmi che hai paura-G.Catozzella

  • Con Amnesty International contro la pena di morte

  • Verità per Giulio Regeni-“La tua verità? No, la Verità, e vieni con me a cercarla. La tua, tientela.” A.Machado y Ruiz (Poeta Spagnolo 1875-1939)

  • Io sto con Emercency

    Guerre, Epidemie, Vite umane falcidiate... Per nostra fortuna c'è Emercency.

  • LIBERA-100 passi e oltre verso…

    21 Marzo a Padova XXIV giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

  • 8 Marzo 2020-Donne insieme con determinazione e speranza

    a mia madre-click&read
  • 15 Marzo Climate Strike. Gli studenti del mondo manifestano per clima e ambiente

    Fridays for Future- giovani alla riscossa- Appello disperato agli "adulti" Agite subito per questa nostra Terra! “Our house is on fire, I am here to say our house is on fire."

  • 21 Marzo-World Poetry Day. Arriva Primavera, in versi…

    Il verso è tutto. G.D'Annunzio, Il Piacere, II,1

  • 22 Marzo Giornata Internazionale dell’ACQUA-un diritto per tutti!

    con Bertoli e Ligabue, nel vento che soffia e l'acqua che scorre...

  • 23 Aprile-Giornata Mondiale del Libro

  • 25 Aprile 2020- Festa della Liberazione dal nazifascismo

  • 1° Maggio 2020-Coraggio!

    R.Guttuso-Portella delle Ginestre

  • 23 Maggio-19 Luglio -Luci che non si spengono…

  • 10 Maggio 2020-Festa della Mamma

    dalla vita di una grande mamma...

  • 2 Giugno 2020-Festa della Repubblica Italiana

    Ossimori festosi: ferita, disorientata, fragile, eppure resiliente, meravigliosa e forte. La nostra Repubblica.

  • Amo l’Europa

  • 3 Ottobre 2013-3 Ottobre 2020 Ricordare, accogliere, progettare il futuro

    more

    Il 3 ottobre è diventato giornata della memoria e dell'accoglienza, una data in cui si ricordano le vittime del naufragio di Lampedusa e tutti i migranti che hanno perso la vita nel tentativo di arrivare in Italia, la porta dell'Europa.

  • 5 Ottobre 2020-Giornata UNESCO dedicata agli Isegnanti

  • 20 Novembre2020- Giornata Internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

  • 25 Novembre 2020-Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

  • 10 Dicembre 1948 Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

    Restare umani è un diritto-dovere. Dopo 70 anni, a che punto siamo?

  • copyright foto

    La maggior parte delle foto inserite negli articoli provengono dalla Rete e sono pertanto da considerarsi di dominio pubblico. Tuttavia, gli autori o i soggetti coinvolti, possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica: affascinailtuocuore@gmail.com
  • Disclaimer

    I contenuti del blog sono un’esclusiva di Affascinailtuocuore.  È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma, senza  autorizzazione dell’autrice.

    Contenuti di altri autori sono debitamente individuati con tutti i riferimenti necessari.

W.Smith-ALLE FONTI DEL NILO-L’eterna lotta tra Verità e Menzogna lungo il corso del grande fiume.

Alle fonti del Nilo: Il ciclo egizio di Wilbur Smith (La Gaja scienza Vol. 849), Longanesi & C 2007

 Alle fonti del Nilo di Wilbur Smith ci racconta l’eterna lotta tra Verità e Menzogna. Entrano in campo  magia, energia, lotta per sopravvivenza e potere, amore e morte, meraviglie della natura, il tutto mescolato nel grande calderone della pseudoscienza. La strega cattiva che aspira al ruolo di  nuova-divinità  farà la fine che meritano tutte le streghe. Il mago buono e virtuoso, seppure tormentato da qualche conflitto interiore,  farà la fine che meritano i buoni.

Ma chi ha veramente ragione? La bellezza della natura, forse. I meravigliosi cavalli Turbine e Brezza di fumo, l’incantesimo  egiziano che permea tutto il racconto e che  oggi  soffre i  rumori  nefasti di un regime che tutti  biasimano, ma tutti corteggiano.

Il mago Taita con un gruppo di valorosi  al seguito riceve mandato dal faraone di  scoprire l’origine delle calamità che stanno distruggendo l’Egitto e di  uccidere i responsabili. Il gruppo si avventura lungo il letto del grande fiume,  per terre e ambienti  super ostili. Nel corso del lungo viaggio i valorosi si scontrano con rospi voraci, mosche tse-tse, zanzare invincibili, cannibali orripilanti. Il climax dell’orrore si raggiunge  con la lotta furiosa e titanica tra la strega Eos e i suoi super poteri, e il  grande mago Taita,  supportato dalla lunare Fenn e dai  fedeli compagni di avventura.  

Evening Nile River Uganda

Al termine di un lunghissimo viaggio (centinaia di giorni e di pagine) Il Nilo ritrova la sua baldanza e torna a fecondare le terre e gli animi  degli Egiziani. E la lettrice  ringrazia per essere arrivata indenne all’ultima pagina.

Sono arrivata alla fine si,quasi per una sorta di dovere morale verso la storia e la curiosità di capire fino in fondo perché Vladimiro lo abbia trovato molto bello. Chiusa l’ultima pagina, devo ammettere che questo genere non mi  piace. Troppo fantastico, troppe lotte e battaglie, troppo di tutto. Colgo tuttavia un messaggio di fondo che potrebbe riscattare la sovrabbondanza del racconto, e cioè la consueta morale consolatoria: la Verità vince sempre sulla Menzogna.

 Ma causa cinismo galoppante, trovo questo messaggio poco realistico alla luce  di quanto ci accade intorno. E concludo con alcune domande: vale ancora la pena di continuare a cercare la verità nel mondo? Vale la pena cimentarsi in questa impresa  senza l’intervento di un  mago  che ci accompagni verso  una  fonte salvifica? Si, vale la pena farlo tra le pagine di un libro come questo, se si ama il genere.

Piccoli assaggi

Presentazione “Dopo un interminabile viaggio nelle terre più remote del mondo conosciuto, per il mago Taita e il fedele Meren è tempo di far ritorno in Egitto. La loro amata patria è afflitta da piaghe senza fine: sulle regioni del Nilo, già stremate da lunghi anni senza esondazioni, si è abbattuto il flagello della peste, che non ha risparmiato neppure i figli del faraone Nefer Seti. E mentre i nemici di sempre tramano per mettere le mani sul regno, su di esso piomba una nuova, penosa calamità: il fiume, da sempre fonte di vita e di prosperità, si è ridotto a una catena di pozze fangose del colore del sangue. Uno scenario drammatico in cui, impalpabile come la tela di un ragno velenoso, si diffonde il culto di una nuova, misteriosa dea dagli straordinari poteri. Un culto che sta affondando i suoi artigli nel seno stesso della famiglia reale. Disperato, il faraone chiede a Taita di rimettersi in cammino. Solo il grande stregone, forte dei nuovi poteri ottenuti grazie agli arcani riti custoditi nella lontana Asia, ha qualche speranza di scoprire e sconfiggere la minaccia che si annida alle fonti del Nilo. Ha così inizio un pericoloso viaggio lungo il maestoso letto del fiume, descritto con grande talento narrativo e ineguagliabile ricchezza di dettagli, nel quale alle insidie che minacciano la spedizione si aggiunge la sfida letale del mago con le forze oscure in agguato fuori e anche dentro di sé…” (da “Alle fonti del Nilo: Il ciclo egizio (La Gaja scienza Vol. 849)” di Wilbur Smith, G. Hirzer)

Che cos’è la Fonte?“«Quanti anni hai, Eos?» «Un tempo che né tu, né nessun vivente potrebbe calcolare.» «Com’è possibile?» «Hai mai sentito parlare della Fonte?» «È una leggenda che ci è giunta dai tempi antichi.» «Non è leggenda, Taita. La Fonte esiste.» «Di cosa si tratta? Dove si trova?» «È il Fiume Azzurro di tutte le vite, la forza naturale che governa il nostro universo.» «Ma è un fiume o una fonte? E perché ’azzurro’? Sei in grado di spiegarmelo?» «Non esistono parole, neppure in Tenmass, capaci di descrivere adeguatamente la sua potenza e la sua bellezza. Quando saremo diventati una cosa sola, ti ci porterò.”

Manipolazioni genetiche: dai trogloditi ai sapiens “«Sono trogloditi. Discendono da una specie di scimmie arboricole che abita le grandi foreste del Sud. Nel corso di secoli di cattività siamo riusciti, con interventi chirurgici e il ricorso a determinate erbe, ad aumentare la loro intelligenza e aggressività a un livello che le rende molto utili ai nostri scopi. Con tecniche analoghe siamo stati in grado di manipolarle fino a renderle completamente soggette alla volontà di chi le controlla. Naturalmente la loro mente è rozza e primordiale, per cui sono più facilmente malleabili degli uomini. Tuttavia stiamo sperimentando le medesime tecniche su alcuni nostri schiavi e prigionieri, e i risultati sono davvero incoraggianti. Appena diventerai membro della Confraternita avrò il piacere di mostrarteli. »
“Taita rimase sconvolto da quelle rivelazioni. Stanno parlando di realizzare creature che non sono più uomini, ma mostri aberranti, pensò cercando di non lasciar trapelare lo sgomento. Questa gente è funestata dalla malvagità di Eos, il suo veleno ha traviato e corrotto il loro acume.” 

M.Carlotto-IL MISTERO DI MANGIABARCHE. Un caso complicato per l’Alligatore, a suon di intrighi, Blues e Calvados

È vero, dopo la delusione di  Alla fine di un giorno noioso,    avevo deciso che non avrei letto più niente di  Massimo Carlotto. Ma, sfogliando la libreria del mio Kindle, ho trovato un suo romanzo acquistato da Vladimiro,  Il mistero di Mangiabarche, con protagonista l’Alligatore, ovvero il marchio di fabbrica di Carlotto giallista.

Nell’intervallo tra Estate e Autunno, in attesa di decidere nuove letture, mi sono detta: perché non riprovarci? E l’ho cominciato.

Oggi l‘ho finito. Sapete cosa mi ha spinto fine alla fine? La passione sviscerata di Marco Buratti/Alligatore per il Blues e  per il cinema che lo porta alla soluzione del caso. Mi ha coinvolto inoltre il mistero di un luogo, Mangiabarche, vicino a Carloforte, mia prima meta estiva alla scoperta della Sardegna. Tutto il resto è pieno zeppo/zuppo di Calvados, di servizi segreti deviati e non, di mercenari, avvocati buoni e avvocati cattivi, droghe e codice d’onore mafioso. Per non parlare dell’amore e dell’inganno sessuale. L’Alligatore sembra non capire niente delle donne,  ha  infatti un radar speciale per le femmine “strane”.

006_faro_mangiabarche_1_tn.jpg

Assunto da un avvocato a nome di tre altri avvocati mandati in galera da un altro avvocato disonesto coinvolto in traffici super illeciti, Marco Buratti porta avanti la sua indagine in modo molto peculiare e sul filo della legalità, come nella migliore tradizione noir dei detective all’americana, alcolizzati e provati dalla vita. Nel caso dell’alligatore sette anni di carcere ingiusto lo hanno reso quello che è. Il gangster Rossini, Milanese e vecchio stampo lo affianca nell’indagine. Marlon Brundu, tragico collaboratore temporaneo, conferisce un tocco di creatività alla compagnia. Il nome rivela la vena cinefila dei suoi genitori…

Tanta roba nel percorso narrativo di questo romanzo reso piacevole dalla sottile vena di amara ironia che lo attraversa. See you later Alligator…

C.Lucarelli-INTRIGO ITALIANO. Un guazzabuglio paludoso per il ritorno del commissario De Luca

intrigo Italiano-Lucarelli

Intermezzo piacevole e veloce. Confermo quanto detto su altri romanzi di Lucarelli. Il suo più grande pregio è la capacità di raccontare ad alta voce e in modo documentato eventi storici, cronache di costume ed efferati fatti di sangue. Anche tra le righe di Intrigo Italiano, si avverte l’eco della sua voce profonda e del buio che caratterizza lo sfondo della sua affabulazione.

In Intrigo Italiano, si intrecciano spionaggio, guerra fredda, partigiani, trattorie e rane fritte, Bologna maestosa e saporita, moretta/faccettanera che canta il blues e arie di balera e sanremesi, Jazz, amore e passione, giovani di buona famiglia poco raccomandabili, professori gaudenti  con scannatoio, agenti segreti…E tanto sangue Insomma un guazzabuglio che inchioda a un’ indagine assurda il commissario De Luca, qui in veste di agente segreto perseguitato dal suo passato fascista. Ma, ripeto è stato comunque un piacevole intermezzo di lettura estiva.

Per chiudere questa fase, ho deciso di avventurarmi  nei noir di Massimo Carlotto. Curiosità. Dopo, ho in mente un percorso di lettura e scoperta di cui vi parlerò.

LA PARANZA DEI BAMBINI di Roberto Saviano-Recensione di Vladimiro Noir.Quanti riscontri con la realtà!

rs_paranza_mat_promo

Dopo la stimolante lettura in contemporanea di La paranza dei bambini di Roberto Saviano, con la promessa di scambiarci il commento di questa storia affascinante, dopo la mia recensione del romanzo, arriva quella di Vladimiro Noir, mio compagno di viaggio:

Questo libro mi è piaciuto moltissimo, lo trovo scritto con grande maestria e sicuramente perfetto come sceneggiatura di un film o di una serie televisiva. La bellezza del libro consiste nella fluidità del linguaggio di Saviano e del suo dialetto napoletano pop che, confrontato con il siciliano di Montalbano (sto leggendo proprio in queSti giorni La giostra degli scambi),  sembra molto meno “caricato” e dunque più realistico e incisivo.

Mi sento di attribuire una valutazione di 5 Stelle! Di più non potrei. Da come me lo sono “spizzicato”, parola dopo parola, fino all’ultima riga,   col rammarico che stava finendo,  deduco che mi è piaciuto proprio tanto!

L’aspetto che mi ha colpito di più riguarda la famiglia dei protagonisti. Sono figli di piccoli borghesi, non particolarmente disagiati o socialmente emarginati. Sono insegnanti, casalinghe, artigiani eppure i loro figli hanno questo desiderio feroce di fare soldi, di avere tutto subito per goderselo fino in fondo senza freni, senza tenere conto della morte, della legge. E sono poco più che bambini! E vivono senza paura del dopo, aggrediscono l’amore e il sesso come fossero molto più grandi ed esperti.

Mi è piaciuto inoltre l’uso dei soprannomi e la loro etimologia che  evidenzia tratti significativi del loro corpo e della loro personalità. Bambini che corrono sui loro motorini tra i vicoli di Napoli incuranti del pericolo che rappresentano per sé e per gli altri. Le loro folli corse sono il loro test di coraggio, di forza e di potere. Questa è una realtà di una crudezza incredibile (si pensi al bimbo nel passeggino travolto senza pietà davanti ai genitori) e Roberto non ha fatto altro che registrarla. Una realtà presente nelle cronache giornaliere, che sfortunatamente esiste.

la%20bambina%20con%20il%20cappottino%20rosso

Mi è piaciuta la natura  cinematografica della scena finale. Della mamma di Dentino in rosso seta con la sua simbologia forte di sangue e passione e con un immediato richiamo   visivo al drammatico cappottino rosso della bimba nel film di  Spielberg La Lista di Schindler (1993)

L’atmosfera del romanzo è travolgente ed io mi sono lasciato travolgere, sentendo quasi di essere a fianco dei protagonisti, non visto, a provare le stesse emozioni intense.

Natale 2016 con Antonio Manzini e le CINQUE INDAGINI ROMANE PER ROCCO SCHIAVONE

manzini-5-indagini-romane

Intermezzo di lettura piacevole e veloce  Cinque indagini romane per Rocco Schiavone  di  Antonio Manzini. Non c’è dubbio che la fiction televisiva sull’eccentrico Vicequestore Rocco Schiavone in servizio punitivo ad Aosta abbia giocato un ruolo fondamentale nella diffusione di queste storie.

La bravura di Giallini e le polemiche politico-social sulle “inaccettabili” trasgressioni del vicequestore  rappresentano un incentivo potente. La lettura su Kindle contribuisce alla sensazione di piacere e velocità dei racconti brevi. Sembrano tante piccole sceneggiature visualizzate sullo schermo del dispositivo.

Ma sono solo parole!  E no, spesso le parole prendono forma nella mente del lettore  come  vere e proprie immagini. In questo caso manca l’intervento della fantasia del lettore post-fiction, certamente influenzato dalla trasposizione televisiva, così Rocco diventa Marco Giallini quasi in automatico, ma l’effetto è grande lo stesso.

rocco-e-marina

Bellissimo il dialogo intimo tra Rocco e Marina, la sua amatissima moglie morta. Il poliziotto con una moglie bella e giovane, morta prematuramente fa sempre un grande effetto nelle storie “gialle”, ma qui c’è qualcosa di più vero, di più umano, sebbene molto letterario. C’è il tormento inarrestabile di un uomo che la moglie se la porta sempre dentro, nel cuore e nel cervello, di un uomo che non riesce a staccarsene, ma ne coltiva ostinatamente la presenza.

Le storie sono sempre le solite, tipiche del genere, ma Il romanesco e l’ambientazione (prima romana e poi piemontese) le caratterizzano e le rendono più vicine ai lettori Italiani.

In attesa di completare l’impegnativo The Sellout (Lo Schiavista) di Paul Beatty  dove la danza martellante del  linguaggio ti mette a dura prova, pur sottolineando mirabilmente il messaggio politico sociale, la compagnia di Rocco è stato un bell’intervallo e una piacevole scoperta di un nuovo autore da seguire.

 

L. Barclay-Il vicino di casa. Delitti e segreti di una piccola città americana

barclay-il-vicino-di-casa

Lettura veloce e leggera. Intermezzo piacevole in attesa di qualcosa di veramente interessante. Non sarà facile. Ancora sento nella testa l’eco di Delitto e Castigo.

La pausa con Barclay ha interrotto per un attimo le onde d’urto di Dostoevskij.  In ogni caso ho letto con piacere la storia del giardiniere-autista del sindaco e di suo figlio Derek che si mette nei pasticci per poter pomiciare in pace con la sua Penny, in casa dell’amico che va in vacanza con i genitori. Pessima idea abortita nel sangue.

Nella storia agiscono tanti altri personaggi: la moglie Helen-dei-segreti e dei tradimenti, lo scrittore/non scrittore, le prostitute adolescenti giocattolo del politico di turno, le campagne elettorali, gli avvocati uccisi, i delinquenti mai redenti, i padri che vogliono salvare/riscattare i figli, i poliziotti bulimici tutta panna e dolcetti, l’attricetta di Hollywood che si sistema con il presunto grande intellettuale, il college con un preside famoso, il festival di Letteratura, i pregiudizi sociali della piccola città di provincia.

Uffa!!! Quanta roba! Sembra un film di quelli che spesso vanno in onda sul canale 2 della RAI, Il giallo del Due! Quando proprio non hai niente da  fare o vuoi far riposare il tuo cervello, guardati il film su RAI2, falso come un soldo falso.

Eppure questo romanzo, con tutte le sue suggestioni, più o meno fasulle, grande insalata russa americana dai mille ingredienti, ha venduto  un milione e mezzo di copie. Un successone.

Ma adesso dove rivolgo le mie attenzioni? Mi sento assalire da una leggera nausea. Stacco la spina per un po’, nella speranza di intraprendere un nuovo viaggio tra le pagine di una grande storia.

F. Dostoevskij-DELITTO E CASTIGO. Storia di un viaggio indimenticabile nelle contraddizioni dell’animo umano

 

delitto-e-castigo-ebook

Delitto e Castigo di Fëdor Dostoevskij. Traduzione di Federigo Verdinois .Ebook

Se sentite di essere pronti per un viaggio lungo e denso di indimenticabili esperienze emotive e intellettuali, preparate il vostro cavallo alato e dirigetevi verso la nuvola degli ineffabili microcosmi di Delitto e Castigo.

3-nuvola-delitto-e-castigo

Bello di una bellezza che toglie il fiato! Il filo conduttore è la storia oscura di Rodion Romanovic Raskol’nikov, suggestionabile ex-studente universitario, precipitato nel baratro del delitto (uccide una vecchia usuraia malvagia) e delle inevitabili conseguenze che ne derivano. Il  castigo  che lo aspetta  diventa  una forma di “redenzione” con venature religiose.

Durante il suo conflittuale percorso di sofferenza è come se Rodion si moltiplicasse nei molti altri personaggi che lo affiancano, vere e proprie identità di grande spessore, sia narrativo che umano.

 “Ma qui, ormai, comincia una nuova storia, la storia della rinascita di un uomo, della sua graduale trasformazione, del suo lento passaggio da un mondo a un altro mondo, del suo incontro con una realtà nuova e fino a quel momento completamente ignorata. Potrebbe essere l’argomento di un nuovo racconto; ma il nostro, intanto, è finito.” Epilogo

 

M.Carlotto-ALLA FINE DI UN GIORNO NOIOSO…decido di non leggerne più

Carlotto AFGN

Il malvagio protagonista di Alla fine di un giorno noioso Giorgio Pellegrini è un mascalzone decisamente antipatico, anzi, repellente. Trovo nella storia troppa violenza, troppo ammiccamento al peggio della politica, della società, dell’umanità.

La curiosità mi ha spinto a leggere un libro di Massimo Carlotto, di cui ho sempre sentito parlare per varie ragioni, non solo letterarie.

L’ho fatto. Forse non è il suo romanzo migliore da cui iniziare, ma è sicuramente il primo e l’ ultimo.

A.Vitali- LA SIGNORINA TECLA MANZI o della ricerca del colpo di fulmine narrativo. Per salutare Luglio.

la signorina Tecla -Vitali

 

Quando, dopo una lunga sorsata rinfrescante di parole ormai agli sgoccioli, non hai voglia di uscire per fare “rifornimento” in libreria, né di scegliere e comprare online, ma trovi sparsi per casa questo o quel libro che occhieggiano speranzosi di arrivare tra le tue mani, cosa fai?

Arraffi il primo a portata di mano. Ha una copertina interessante, “seppiosa”, molto “vecchi tempi”. Lo guardi, lo tasti, lo annusi e ti torna in mente che a Vladimiro non era piaciuto. Lo ha trovato stranamente noioso, al punto che non vedeva l’ora che finisse.

Eppure, chissà perché, non riusciva  ad interromperne la lettura. Allora cominci a leggerlo, non molto ben disposta è vero, ma spinta dal desiderio di capire perché a lui non è piaciuto.

L’ho finito. Ora capisco perché e condivido…  L’idea della signorina stravagante, forse un po’ folle, non è male, ma le manca l’anima narrativa che travolge.

Descrizione

“Siamo negli anni Trenta, all’epoca del fascismo più placido e trionfante. Nella stazione dei Carabinieri di Bellano, sotto gli occhi del carabiniere Locatelli (bergamasco), rivaleggiano il brigadiere Mannu (sardo) e l’appuntato Misfatti (siciliano). Un’anziana signora vuole a tutti i costi parlare con il maresciallo Maccadò. La donna – anzi, la signorina Tecla Manzi – è venuta a denunciare un furto improbabile: il quadretto con il Sacro Cuore di Gesù che teneva appeso sopra la testata del letto. Inizia così una strana indagine alla ricerca di un oggetto senza valore, che porta alla luce una trama di…IBS

 

In vacanza 2. Ethel L.White-LA SIGNORA SCOMPARE durante un sorprendente viaggio in treno…

la signora scompare

 

 

Dopo le prime pagine, realizzi che devi aver già “visto” questa storia. Al termine del libro, nella nota conclusiva ne hai  la conferma.

In effetti l’ho “vista” nel film  Il Mistero della signora scomparsa, di Anthony Page del 1979, con Angela Lansbury, (La signora in giallo, ricordate). Ce n’è uno precedente, che io non ho visto, ma che è considerato di gran lunga la migliore versione cinematografica del libro. Ed è infatti di Alfred Hitchcock che, con The Lady vanishes, si “lancia” anche in considerazioni politico-sociali sull’Inghilterra.

the lady vanishes_1938 HitchcockLa signorina Froy, frizzante zitella Inglese, scompare sul treno, durante il  viaggio di ritorno dai Balcani verso casa, in Inghilterra. Cosa le è successo? È davvero mai esistita o è solo una fantasia della viziata e un po’ isterica Iris Carr, ereditiera in cerca di identità ed emozioni in giro per l’Europa?

Iris, tenacemente e contro  tutti coloro che vorrebbero  farla passare per visionaria, si mette alla ricerca della signorina Froy, con la quale aveva iniziato un discorso amichevole durante il viaggio.  La sua compagnia era riuscita a farle tollerare quella dei personaggi molto ambigui e potenzialmente pericolosi che affollavano il scompartimento e quello attiguo.

Iris inizia dunque una sua indagine molto particolare, senza il supporto di detective famosi, anche se non manca l’incontro “sentimentale” e la possibilità di sviluppi romantici con qualcuno che cercherà di aiutarla, tra un intoppo e l’altro.

L’ambientazione è affascinante: Il Viaggio dalle misteriose montagne dei Balcani, attraverso Trieste/Italia, fino a  Londra/Inghilterra, su un treno che, con tutti gli aspetti misteriosi e accattivanti che il treno  evoca sempre nell’immaginario, gioca il suo ruolo da splendido protagonista.

Bello il titolo originale, The wheel spins 1936 (La ruota gira), quasi un tecnicismo voluto per sottolineare i “turning points” della storia. Il capitolo 24 porta proprio questo sottotitolo e rappresenta infatti uno snodo cruciale:

“la ruota aveva ripreso a girare…”

Ogni capitolo, d’altra parte,   si apre con un sottotitolo che introduce il lettore all’idea principale che verrà sviluppata.

La lettura di questo romanzo è stata certamente influenzata dalle immagini dal film depositate nel magazzino della mia memoria, eppure, la narrazione tesa e ricca di dettagli sapientemente intrecciati, mi ha sorpreso piacevolmente e catturato dolcemente, conducendomi verso la conclusione, al ritmo di un treno in corsa.

 Vladimiro  lo sta leggendo. Avremo modo di parlarne insieme.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: